Leigonella roma

Legionella alla Corte d’Appello di Roma: i dipendenti della sezione di via Romei si trovano costretti a lavorare con le finestre aperte e i termosifoni spenti per scongiurare il pericolo batterio all’indomani – malasorte vuole – anche di un allarme per i topi.

La notizia è stata data dal primo presidente della Corte, Luciano Panzani, in una riunione con i dipendenti degli uffici della città giudiziaria, dalla quale è emerso che pericoli per la salute delle persone che lì lavorano non ci sarebbero ma è meglio andar cauti.

La scoperta della legionella risale al 13 novembre: “La presenza del pericoloso batterio è stata trovata nell’impianto di dolcificazione dell’acqua”, ha spiegato Panzani.

Nel verificare la rete idrica, infatti, i tecnici hanno individuato la contaminazione nell’impianto di dolcificazione che toglie il cloro dall’acqua, mentre l’impianto di condizionamento dell’aria è stato disattivato (le tubature di areazione, infatti, sono l’habitat preferito del batterio).

Si stima che per tornare alla normalità ci vorranno almeno 40 giorni e, intanto, alcuni dipendenti d della palazzina costruita nel 2003 sostengono ci sarebbero già stati almeno cinque casi di broncopolmonite, tutti concentrati nella sezione lavoro al secondo piano.

I sintomi della legionella sono molto simili a quelli della più comune polmonite: tosse secca o grassa, difficoltà a respirare ma anche febbre alta e brividi, ma anche dolori muscolari, perdita di appetito, problemi gastrointestinali come la diarrea, neurologici e cardiaci.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Legionella: cause, sintomi e come evitarla

Legionella: come si contrae e come si trasmette

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog