pacemaker

L’ultima puntata di Report è stata davvero piena di sorprese: dopo il servizio che tanto ha fatto discutere dedicato alla pizza, a lasciare basiti è stato anche lo scandalo che riguarda il laboratorio dell’Istituto Superiore di Sanità dove si certifica la sicurezza di pacemaker e defibrillatori.

La trasmissione ha denunciato lo stato del laboratorio che, come si è potuto vedere dalle immagini trasmesse nel corso del servizio opera di Sigfrido Ranucci, è composto da spazi dove giacciono macchinari vecchi, rotti e/o inutilizzati, impossibile quindi fare i doverosi controlli sugli apparecchi medici a scapito, ancora una volta, della salute dei cittadini.

La faccenda è stata presa molto sul serio dalla Procura di Roma che dopo la messa in onda della trasmissione ha deciso, su comando del Pm Giorgio Orano, di aprire un’indagine di cui si sta occupando la Guardia di Finanza che ha già eseguito le prime perquisizioni. Il Codacons in merito chiede di indagare su diversi reati tra cui omesso controllo e vigilanza, attentato alla vita e alla salute, frode e vendita di prodotti pericolosi.

Non poteva non intervenire anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha chiesto al Commissario straordinario dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, di procedere ad “un audit interna urgente, di riferirne gli esiti al Ministero vigilante e di assumere senza indugio ogni iniziativa, anche di tipo giurisdizionale, per garantire il buon andamento dell'azione dell'Istituto”.

Se vi siete persi il servizio di Report, potete riverderlo QUI.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

7 cose a cui far attenzione per una pizza buona, digeribile e salutare

kipli materassi

KIPLI

Il materasso KIPLI fatto al 100% di lattice naturale. Provalo per 100 giorni!

tuvali 320 a

TuVali

+ di 100 corsi su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
banner calendario
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram