amicizia dna

Una scoperta davvero interessante arriva dagli Stati Uniti: l’amicizia è anche questione di Dna! Sembra infatti che gli amici abbiano in comune più patrimonio genetico rispetto a due estranei, esattamente l’1% ovvero un quantitativo simile a quello che condividono due lontani parenti, ad esempio due cugini di 4° grado.

Questi risultati arrivano da una ricerca compiuta da alcuni scienziati dell’Università di San Diego e di Yale e pubblicata su Pnas. James Fowler e Nicholas Christakis, i due autori principali dello studio, hanno analizzato il patrimonio genetico di 1932 persone che avevano partecipato tra gli anni ’70 e i primi anni 2000 al Framingham Study, una ricerca che aveva raccolto (tra le altre cose) dati che riguardavano i rapporti di amicizia tra persone non imparentate.

Dall’analisi del Dna, che si è soffermato su circa 500mila punti del patrimonio genetico, si è notato che in particolare sono i geni che controllano l'olfatto ad essere condivisi dagli amici. L’1% di affinità che si riscontra potrebbe sembrare poco ma in termini genetici non è affatto così: “anche se l’1 per cento potrebbe non sembrare granché, per i genetisti si tratta di un numero significativo. La maggior parte delle persone non sa nemmeno chi sono i loro cugini eppure tra una miriade di possibilità riusciamo a selezionare come amici le persone che assomigliano ai nostri parenti” hanno commentato i ricercatori.

Ma perché due persone che condividono una piccola parte di Dna sono spinte a diventare amici? Fowler ipotizza che avere una genetica simile potrebbe rendere più facile incontrarsi perché magari si frequentano gli stessi posti oppure si scelgono ambienti di lavoro simili.

Qualunque siano i motivi per cui si stringono legami, questo studio dimostra che c'è una sorta di familiarità tra gli amici. I ricercatori tra l'altro hanno sviluppato anche un 'punteggio dell'amicizia' per riuscire a prevedere prima chi diventerà amico di chi in base appunto alla genetica, un po’ come oggi già si fa per calcolare le possibilità di sviluppare malattie come obesità e schizofrenia.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

- Tabagismo: colpa di geni e Dna

- Scoperti i geni del gusto: in futuro ci saranno le diete genetiche?

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram