crema-sbiancante

L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), in un comunicato, lancia l’allarme sulla pericolosità delle creme ad azione sbiancante e sull’uso improprio che spesso se ne fa. Anche nel nostro paese si trovano prodotti che consentono di rendere più chiara la pelle del viso e del corpo, molto apprezzati in particolare dalle donne di colore che in questo modo possono ridurre la pigmentazione della propria pelle a fini estetici.

Il problema però è che alcune creme sbiancanti in commercio sono in realtà contraffatte, provengono dalla Cina ma sulla confezione compare il finto marchio italiano. Ce ne sono di diverso genere e vengono realizzate con diversi principi attivi ma il più delle volte, non essendo regolamentate, contengono delle sostanze molto pericolose per la salute come ad esempio il mercurio o principi attivi dermatologici comunemente utilizzati ma in questo caso adoperati in maniera impropria e senza i dovuti controlli come il clobetasolo o il betametasone.

Le sostanze contenute in queste creme, sottolinea l’AIFA, non sono pericolose solo a livello cutaneo ma, dato che i principi attivi assorbiti tramite la pelle arrivano all’interno dell’organismo, possono comportare problemi di tipo ormonale, ipertensione e diabete.

Le creme sbiancanti pericolose a cui l’AIFA fa riferimento vengono introdotte in Italia in maniera illecita e spesso passano le frontiere classificate come semplici cosmetici e possono dunque essere liberamente vendute. Già parecchi lotti illeciti sono stati sequestrati grazie ai controlli effettuati dalle autorità di frontiera ma purtroppo altrettanti riescono ad entrare e ad essere commercializzati nel nostro paese con tutti i rischi che ciò comporta.

"I numeri della diffusione di questi prodotti tra donne immigrate sono impressionanti. Secondo i dati di uno studio dell'Istituto Superiore di Sanità, il 40% di quelle sotto i 35 anni e 3il 6% sopra quell'età ne fa uso. E spesso cospargendo tutto il corpo e regolarmente per anni. – ha dichiarato Domenico Di Giorgio, direttore del reparto Contraffazione dell'Aifa. "Ottenere maggiore accettazione sociale e più facilità nel trovare lavoro" sono i motivi che spingono le donne a far uso di queste creme ricche di sostanze tossiche"che causano danni alla pelle e all'intero organismo".

Francesca Biagioli

Leggi anche:

- 10 rimedi naturali per sbiancare i denti

- Rimedi naturali e creme idratanti fai-da-te per la pelle secca

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram