aspirin

Sembra che chi assuma regolarmente cardio-aspirina da almeno 5 anni, veda ridursi la possibilità di sviluppare un cancro. A dirlo sono i medici della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) riuniti a Firenze in occasione di un convegno.

Questa considerazione emerge dall’analisi di una serie di ricerche fatte sul principio attivo dell’aspirina e pubblicate sulla rivista scientifica Lancet. Nel corso di 8 studi sono stati analizzati complessivamente oltre 23mila pazienti trattati con la cardio-aspirina ovvero una versione più leggera della classica aspirina (all’interno c’è una quantità minore di acido acetilsalicilico) utilizzata per prevenire problematiche di tipo vascolare in soggetti a rischio.

L’analisi ha dimostrato che chi assumeva questa aspirina regolarmente da almeno 5 anni aveva visto ridurre del 34% il rischio di ammalarsi di tumore. Anche altri studi avevano già confermato questo risultato ma gli studiosi mostrano comunque la dovuta cautela di fronte a quello che è, a tutti gli effetti, un farmaco e che dunque, soprattutto se preso con continuità, può avere effetti indesiderati, nel caso dell’aspirina si tratta soprattutto di emorragie o disturbi gastrici.

Il potere anti-tumorale dell’aspirina sarebbe dovuto alle proprietà antinfiammatorie del suo principio attivo che si sarebbe dimostrato utile in tutti i casi in cui il cancro inizia a svilupparsi a partire da un’infiammazione cronica che a lungo andare porta alla formazione di cellule tumorali.

«Questo non significa che d’ora in poi si prescriverà l’aspirinetta come prevenzione anticancro al pari di quanto avviene per le malattie cardiovascolari – ha dichiarato Claudio Cricelli, presidente della SIMG -. Perché questo avvenga servono ulteriori conferme da studi clinici mirati, che sono in corso, per valutare con precisioni benefici e rischi di una terapia preventiva con questo farmaco. Certo è, però, che quando si stabilisce di somministrare ai pazienti con patologie cardiovascolari la cura con aspirina a basse dosi, bisogna invece considerare fra i vantaggi gli effetti positivi che questa ha in termini di riduzione della mortalità per cancro».

Noi continuiamo a consigliarvi di prevenire il cancro seguendo uno stile di vita sano e mangiando alimenti naturali (meglio se biologici) come frutta e verdura ogni giorno in più porzioni, variando a seconda della stagionalità!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

- Tumori: 27 alimenti per la prevenzione del cancro

- Tumori: ecco la tabella degli alimenti anti-cancro

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram