ambrosia

Una inedita allergia: quella all'ambrosia, la pianta originaria degli Usa che fiorisce da circa metà agosto sino all'arrivo di temperature più fredde e possiede tra i più allergenici di tutti i pollini. Non a caso è proprio il mese di agosto a portare a Roma e nel Centro Italia la nuova allergia, fino ad ora "sconosciuta" in quest'area del Paese.


Se ne è parlato nel corso del convegno "Club allergologici: la rinite allergica nell'infanzia" promosso dall'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù nella nuova sede di Roma-San Paolo, alla presenza di uno dei massimi esperti mondiali di allergie, la dottoressa Ruby Pawankar. Sono proprio gli specialisti dell'Ospedale Pediatrico a segnalare come tra i piccoli sottoposti a valutazione allergologica e trovati allergici ai pollini, siano stati il 3% nel primo semestre dell'anno quelli sensibili all'ambrosia.

Fino ad oggi quest'allergia aveva interessato solo le regioni settentrionali dell'Italia. Certo, a Roma l'ambrosia non è del tutto una novità: basti pensare che veniva consumata sulle mense dell'età imperiale come 'nettare degli dei'. Tuttavia non è mai fiorita in area mediterranea. È invece pianta erbacea originaria dell'America: negli Stati Uniti ben il 40% della popolazione risulta essere allergico.

Oggi, però, questa pianta, che arriva a produrre fino a mille miliardi di granuli di polline e a saturare l'aria di due milioni di granuli per metro cubo, ha attecchito un po' in tutta Europa, nella valle del Rodano e in Ungheria, per poi passare in Austria ed infine nel Nord Italia, tanto che in Lombardia la lotta a questa pianta è divenuta obbligatoria per legge. Ma mai fino alle aree del Mediterraneo.

L'arrivo dell'ambrosia nella Capitale era stato segnalato dai botanici già da qualche anno. La stagione pollinica romana inizia a febbraio–giugno con gli alberi (cipresso, nocciolo, olmo, frassino, pioppo, betulla, ontano, carpino, platano, quercia, olivo) e le graminacee, ma sviluppa una seconda ondata in estate-autunno. Protagoniste ne sono erbe come il farinaccio, l'artemisia, il tarassaco, le poligonacee e l'ambrosia. Qualche anno dopo essere entrata nel teleobiettivo dei pollinologi, quest'erba comincia ora a colpire i bambini di Roma e del Centro Italia, dove si registra la prima incidenza sensibile della presenza dell'allergia.

Il periodo di fioritura dell'ambrosia ha inizio a partire dal mese di agosto. La grande quantità di polline prodotto è la causa della forte allergenicità posseduta da questa pianta, che può causare inoltre fenomeni di sensibilizzazione verso altre composite. L'erba nasce al di sotto dei 400 metri di altitudine e predilige i bordi delle strade, le massicciate ferroviarie, i terreni incolti e si trova anche nelle coltivazioni come infestante.

Come è arrivata in Europa, in Italia, a Roma? Dapprima via cargo (probabilmente con sementi di cereali importate dagli USA) e ora via autostrada. Infatti il polline di ambrosia ha piccoli aculei che lo agganciano agli pneumatici dei veicoli e – partendo dall'aeroporto di Malpensa – si è diffusa in Lombardia, Piemonte, Emilia e ora fa capolino al Centro Italia.

COSA FARE - In conclusione, se il bambino, a primavera finita, continua a starnutire o strofinarsi il naso per il prurito, potrebbe essere allergico proprio all'ambrosia. I sintomi si curano come quelli di altre pollinosi, anche se c'è da tener presente che quella all'ambrosia è una rinite particolarmente forte e può quindi essere necessario spingere le dosi oltre a quelle, per esempio, delle graminacee. Fortunatamente, i vaccini per l'ambrosia sono molto efficaci, godono di ampia sperimentazione e possono arrivare a cambiare il trend di andamento del disturbo.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- OMS: allergie respiratorie in aumento per colpa dei cambiamenti climatici

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram