Investire il nostro denaro in esperienze e viaggi ci rende migliori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spendere soldi per viaggiare piuttosto che per comprare cose futili e materiali ci rende più felici. A confermarlo, semmai ce ne fosse stato bisogno, è uno studio condotto da alcuni psicologi, secondo cui mentre il benessere effimero dello shopping è destinato a durare il tempo dell’acquisto, quello legato ai viaggi durerà invece molto più a lungo. Grazie anche ai ricordi che, per ovvie ragioni, rendono felici nel corso della vita.

È la conclusione cui è giunta un’analisi condotta alla Cornell University, il cui primo autore, Thomas Gilovich, ha scoperto che fare acquisti o fare shopping dà la stessa euforia dei viaggi. La differenza sta negli effetti a lungo termine.

Quelli che lui chiama “acquisti esperienziali”, i viaggi ma anche i concerti o i massaggi, sono quelli per cui è meglio utilizzare il proprio denaro per ricevere come tornaconto una felicità concreta. Insomma, se è vero come è vero i viaggi rendono sereni e persone complete, anche mettere da parte un buon gruzzoletto per andare ovunque si voglia dà reali soddisfazioni.

Lo studio

Gilovich e il suo team hanno esaminato 1.200 recensioni di clienti online: metà degli acquisti analizzati erano esperienziali (ristoranti, concerti, spettacoli e viaggi), l’altra metà materiali (mobili, abiti, scarpe e oggetti). Dai risultati dell’indagine è emerso che le persone sarebbero più propense a commentare viaggi, luoghi visitati o da consigliare, ristoranti da provare o musei da visitare, rispetto a dare opinioni su oggetti.

Secondo lo studio, insomma, gli acquisti esperienziali aumentano la gratitudine perché non innescano tanti paragoni sociali quanti ne innescano invece i beni materiali: le esperienze migliorano noi stessi e la percezione delle cose che ci circondano.

“La nostra ricerca è importante anche per la società perché suggerisce che il benessere generale può essere avanzato fornendo un’infrastruttura che offra esperienze – come parchi, sentieri, spiagge – tanto quanto beni materiali”, conclude Gilovich.

Quello che ci tocca fare? Proviamo per un po’ a spendere meno per i beni materiali e investire un po’ di più nelle “esperienze”.

Un bel concerto, una vacanza, ma anche un bel libro o un film al cinema con le migliori amiche potrebbero migliorarci come persone e migliorare, perché no, anche la misura della nostra gratitudine, in un rapporto di dare e avere che va ben al di là della borsa dell’ultima moda. 

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook