Tripofobia, la particolare paura dei buchi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La tripofobia è una particolare paura verso pattern ripetitivi: buchi ravvicinati e profondi possono scatenare disgusto, ansia e agitazione

Se guardare un baccello di fior di loto, un alveare, le bolle di una tavoletta di cioccolato o i fori di una spugna di mare vi disgusta, potreste essere affetti da tripofobia, la paura dei buchi.

Chi soffre di questo disturbo non sopporta infatti la visione di pattern ripetitivi formati da fori profondi e ravvicinati tra loro.

Sebbene la tripofobia non sia ufficialmente riconosciuta come una fobia, si tratta di un disturbo abbastanza comune che può produrre una serie di sintomi.

Osservando un corallo, del pluriball, un ingrandimento della struttura degli occhi degli insetti o dei pori della pelle, chi ha paura dei buchi può provare repulsione, pelle d’oca, prurito, ansia e agitazione. La visione di fori profondi e ravvicinati, in queste persone, può addirittura provocare vomito e attacchi di panico.

View this post on Instagram

𝐂𝐢 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐩𝐚𝐮𝐫𝐞 𝐜𝐡𝐞 𝐧𝐨𝐧 𝐩𝐨𝐬𝐬𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐜𝐨𝐧𝐟𝐞𝐬𝐬𝐚𝐫𝐞 𝐧𝐞𝐦𝐦𝐞𝐧𝐨 𝐚 𝐧𝐨𝐢 𝐬𝐭𝐞𝐬𝐬𝐢. (𝐈𝐠𝐠𝐲 𝐏𝐨𝐩) ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Oggi vi propongo una #riflessione in bianco e nero sulla #paura e sulle #fobie. ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Non ho scelto questa foto a caso. Rappresenta un alveare. Non ho paura delle api, certo non mi piacciono ma non le temo. Quindi, perché questa foto? Ve lo spiego subito. ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Avete mai sentito parlare di #tripofobia? Se la risposta è no, è la paura dei buchi. Guardare questa foto per troppo tempo mi mette a disagio, non ve lo so spiegare nemmeno io sinceramente. Ci sono paure ben più razionali di queste, come le altezze, la morte, i clown (dai, sono tremendi!). ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Non so nuotare, ma non ho paura di affogare. A volte soffro di vertigini, ma non ho paura di salire sulle montagne russe o su quelle giostre verticali che ti portano su e poi ti lasciano cadere nel vuoto. Ho paura degli esami, mi faccio prendere sempre dall'ansia, ma poi li faccio. Riesco a fare le coccole a dei cani spaventosi, ma non chiedetemi di guardare i risultati di ricerca di Google Immagini sulla tripofobia perché potrei dare di matto. ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Però è questo che fa delle paure e delle fobie dei demoni difficili da sconfiggere. Come sconfiggi il disagio che ti provoca un forellino? Magari parlando. Esorcizzando la questione. Ad esempio, io per parlarvene ho dovuto aprire quella maledetta pagina di Google Immagini! ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Esistono tante paure irrazionali, magari collegate a questioni inconsciamente più serie. Dicono che questa sia legata alla paura dell'ignoto, chi lo sa! ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ Eppure, aver paura è un diritto! Non si può esser sempre coraggiosi. Ma che sensazione bellissima è riuscire ad andare oltre qualcosa che temiamo per raggiungere i nostri obiettivi? ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ ⁠▪️ ◾ ▪️ ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ E voi, di cosa avete paura? Avete qualche fobia strana? Come avete fatto a superarla? Raccontatemi un po'! ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ ⁠▪️ ◾ ▪️ ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ #RiflessioniInBiancoENero #Riflessioni #BlackAndWhite #Fobie #Paure #fallbookslike #bookilc #lacortelibrosa

A post shared by The Bookworm's Nest (@thebookwormsnest1) on

Le cause di questa fobia non sono note, ma alla base potrebbe esserci una paura inconscia verso l’ignoto.

Una ragione alla base della tripofobia potrebbe poi essere l’associazione tra i buchi e alcune malattie contagiose che causano eruzioni cutanee e la paura potrebbe essere un meccanismo di difesa sviluppato da alcuni soggetti.

Un’altra ipotesi è che in talune persone, la visione di buchi ravvicinati rimandi a funghi velenosi, piante infestate e quindi non commestibili, animali pericolosi la cui pelle mostra pattern simili, come gli alligatori o i serpenti.

Non esistono trattamenti specifici per la tripofobia, ma per superare la paura dei buchi potrebbe essere efficace abituarsi gradualmente a immagini che scatenano i sintomi della fobia.

Fonti di riferimento: Sci Elo/Springer Open

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook