Il maestro e lo scorpione: la storia zen che insegna a non cambiare la propria natura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra le tante storie zen ce n’è una in particolare che lancia un importante messaggio: quello di non cambiare mai la propria natura e il modo di esprimere liberamente se stessi.

Molti proverbi e detti popolari vanno in questo senso. Basti pensare ad espressioni come ‘chi nasce tondo non può morire quadrato’ o anni e anni di dibattiti per capire se ‘l’indole può essere cambiata’.

Si può andare contro natura? Bella domanda. C’è chi pensa sia necessario smussare qualche lato del proprio carattere ‘per piacere agli altri’, chi invece rimane fedele al proprio modo di essere perché a volte il cambiamento spaventa.

Non c’è, dunque, una risposta univoca, ma questa bella storiella zen potrebbe aiutare a schiarirsi le idee.

Potrebbero interessarvi:

Il maestro e lo scorpione

Un maestro zen vide uno scorpione annegare e decise di tirarlo fuori dall’acqua.
Quando lo fece, lo scorpione lo punse.

Per effetto del dolore, il maestro lasciò l’animale che di nuovo cadde nell’acqua.
Il maestro tentò di tirarlo fuori nuovamente e l’animale lo punse ancora.

Un giovane discepolo, che era lì, si avvicinò e gli disse:

“Mi scusi, maestro, ma perché continuate a prendere lo scorpione? Non capite che, ogni volta che provate a tirarlo fuori dall’acqua, vi punge?”

Il maestro rispose:

“La natura dello scorpione è quella di pungere. Questo non cambierà la mia che è quella di aiutare”.

Il maestro si fermò a riflettere e, con l’aiuto di una foglia, tirò fuori lo scorpione dell’acqua e gli salvò la vita. Poi, rivolgendosi al suo giovane discepolo, continuò:

Non cambiare la tua natura se qualcuno ti farà del male. Prendi solo delle precauzioni. In genere gli uomini sono ingrati del beneficio che gli stai facendo. Ma questo non è un motivo per smettere di fare del bene, di abbandonare l’amore che vive in te”.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook