Sei troppo felice? Attenzione alla sindrome da crepacuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La troppa felicità può provocare malattie cardiache proprio come un grande dolore. Parola di un team di ricercatori che sulla rivista scientifica European Heart Journal ha descritto la sindrome del cuore felice o ‘takotsubo’.

Lo studio è stato condotto su nove paesi tra cui l’Italia ed è stato coordinato da Jelena Ghadri del Policlinico Universitario di Zurigo secondo cui, la felicità può spezzare il cuore e causare un problema con sintomi somiglianti a quelli dell’infarto, la cosiddetta sindrome da crepacuore o “cardiomiopatia di Takotsubo”.

Questa sindrome è stata scoperta in Giappone negli anni Novanta e consiste nella deformazione improvvisa del ventricolo cardiaco sinistro che assume la forma del cestello per la pesca dei polipi che in giapponese si dice Takotsubo. Si manifesta con sintomi simili a quelli dell’infarto: dolore toracico, difficoltà respiratorie, alterazioni del ritmo cardiaco.

Gli studiosi hanno preso in esame 1750 casi, nella stragrande maggioranza l’attacco di cuore era dovuto a un avvenimento triste ma nel 4% lo stimolo ricevuto era di tipo positivo: come il matrimonio di un figlio, un anniversario, la nascita di un figlio o la vittoria della squadra del cuore.

A essere maggiormente colpite dalla sindrome di Takotsubo sono state le donne: 65enni quelle dove l’infarto è stato provocato da un evento triste, 71enni da una gioia molto forte.

Abbiamo dimostrato che i fattori scatenenti della TTS possono essere più vari di quanto si pensasse. La malattia puo’ insorgere anche dopo un’emozione positiva. I medici dovrebbero essere consapevoli di questo. Davanti a un paziente che arriva in pronto soccorso con segni di un attacco di cuore, come dolori al torace e affanno, dovrebbero valutare una possibile TTS anche se la persona ha vissuto un’esperienza felice, proprio come farebbero se il paziente avesse subito un’emozione negativa”, spiega Jelena Ghadri, medico dell’ospedale universitario di Zurigo

Secondo i ricercatori questa nuova scoperta amplia la conoscenza sulla sindrome e quindi ne agevola la diagnosi.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

La felicità non allunga la vita: è davvero così?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook