I primi ricordi della nostra infanzia spesso sono falsi (anche se per noi sono reali)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I primi ricordi che abbiamo delle nostra vita non sempre sono veri. Il 40% di essi potrebbe essere completamente falso. Lo ha rivelato un nuovo studio condotto dall’Università di Bradford, dall’University of London e dalla Nottingham Trent University.

Le attuali ricerche indicano che i primi ricordi delle persone risalgono a circa 3 anni e mezzo di età. Tuttavia, il nuovo studio è andato più a fondo, introducendo alcune novità.

La ricerca ha coinvolto 6641 persone, a cui è stato chiedo di rispondere a un questionario sui ricordi. Gli scienziati hanno chiesto ai partecipanti di dettagliare il loro primo ricordo insieme alla loro età in quel momento, specificando però di non associarlo a una fotografia di famiglia, a una storia o altra fonte diversa dall’esperienza diretta.

Circa 2500 degli intervistati, a loro dire, avevano ricordi risalenti ai 2 anni di età (il 38,6% degli intervistati) e quasi 900 addirittura del primo anno di vita. Questa nuova tempistica veniva riferita più frequentemente dalle persone di mezza età o più anziane.

Sulla base delle descrizioni ottenute, i ricercatori hanno esaminato il contenuto, la natura e i dettagli dei primi ricordi degli intervistati, e hanno valutato i probabili motivi per cui le persone avevano raccontato ricordi di un’epoca, considerata improbabile.

Poiché molti di questi ricordi risalivano infatti a prima dell’età di due anni, secondo gli autori, si tratta di memorie immaginarie basate su frammenti dell’infanzia legati a fotografie o conversazioni familiari.

Di conseguenza, ciò che una persona ha in mente quando cerca di riportare alla memoria i primi ricordi in realtà è una rappresentazione mentale costituita da frammenti di esperienze precedenti e da fatti della propria infanzia riferiti, anziché di ricordi reali.

Nel corso del tempo, tali rappresentazioni mentali vengono sperimentate in modo ricostruttivo e quindi per l’individuo sono semplicemente “ricordi” con contenuti fortemente legati a un particolare momento.

La dottoressa Shazia Akhtar, primo autore dello studio per l’Università di Bradford, ha spiegato:

“Ciò che si ricorda, quando si richiamano alla memoria ricordi precoci, non è altro che una rappresentazione mentale di tipo episodico costituita da frammenti di esperienze precedenti e alcuni fatti o conoscenze sulla propria infanzia. Fondamentalmente, la persona che li ricorda non sa che è finzione. Infatti quando le viene detto che i ricordi sono falsi spesso non ci crede”.

Secondo gli scienziati ciò è dovuto al fatto che la nostra mente ci permette di ricordare cose molto complesse non prima dei 5-6 anni di età, quando iniziano a consolidarsi i ricordi “da adulto”, in parte perché deve esserci un sufficiente grado di maturazione neurobiologica e in parte per il modo in cui la mente inizia a comprendere il mondo.

Lo studio è stato pubblicato su Psychological Science.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook