Se non riesci a smettere di perdere tempo, concentrati sui vantaggi della procrastinazione (che potrebbe essere geniale)

Avete provato tutti i trucchi, letto guide su guide, consultato esperti di procrastinazione, ma niente da fare? Continuate imperterriti a rimandare al domani quello che potreste fare oggi? Ebbene, forse non è poi così atroce questa “cattiva” abitudine, anzi potrebbe essere addirittura geniale.

Secondo Adam Grant, docente di Management alla Wharton, autore del libro “Essere originali: come gli anticonformisti cambiano il mondo“, la procrastinazione è una caratteristica molto diffusa tra i pensatori più innovativi del Pianeta, inclusi due dei cofondatori di Apple, Steve Jobs e Steve Wozniak.

Nell’intervista rilasciata a Business Insider, Grant spiega che oggi la procrastinazione è associata alla pigrizia e all’apatia ma nell’antico Egitto la si considerava come un avvertimento: il momento giusto non è ancora arrivato. Vale a dire che chi procrastina, in fondo a se stesso, sa che quello non è il momento per procedere.

Se la procrastinazione, afferma Grant, è negativa parlando di produttività, è invece positiva per la creatività. Lo sapeva bene Steve Jobs che rimandava le cose per far nascere idee più alternative rispetto a quelle convenzionali.

Trattasi di procrastinazione strategica che tutti noi, a detta di Grant, possiamo testare nella vita quotidiana, semplicemente interrompendo qualsiasi attività creativa e rimandandola prima del termine, per consentire a idee più originali di emergere.

I vantaggi della procrastinazione

Genialità a parte, i vantaggi della procrastinazione non finiscono qui, eccone un elenco:

  1. ci permette di avere un quadro d’insieme più completo quando dobbiamo prendere una decisione;
  2. mentre rimandiamo un lavoro, abbiamo più tempo per perfezionarlo e individuare eventuali errori e sviste;
  3. ci permette di non perdere tempo in attività inutili o che semplicemente non fanno per noi;
  4. ci protegge dall’iper-produttività tipica di questi tempi;
  5. stimola e migliora la creatività alternativa;
  6. ci permette di capire cosa davvero fa per noi.

E tanto per concludere in bellezza, sappiate che un’altra ricerca, “The Structural and Functional Signature of Action Control”, ha dimostrato tramite risonanza magnetica che la causa della procrastinazione è un’amigdala mediamente più grande, nonché una bassa connessione funzionale tra quest’ultima a l’ACC dorsale.

L’amigdala è coinvolta, fra le altre cose, nella gestione delle emozioni e se è di dimensioni maggiori, causa maggiore ansia quando ci si appresta a svolgere un dato compito. A dimostrazione che la procrastinazione non dipende necessariamente dalla pigrizia!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Illustrazione: Laura De Rosa/Mirabilinto.com

 

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Sorgente Natura

I prodotti che non dovrebbero mai mancare in una lista nascita green

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook