Se non riesci a smettere di perdere tempo, concentrati sui vantaggi della procrastinazione (che potrebbe essere geniale)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete provato tutti i trucchi, letto guide su guide, consultato esperti di procrastinazione, ma niente da fare? Continuate imperterriti a rimandare al domani quello che potreste fare oggi? Ebbene, forse non è poi così atroce questa “cattiva” abitudine, anzi potrebbe essere addirittura geniale.

Secondo Adam Grant, docente di Management alla Wharton, autore del libro “Essere originali: come gli anticonformisti cambiano il mondo“, la procrastinazione è una caratteristica molto diffusa tra i pensatori più innovativi del Pianeta, inclusi due dei cofondatori di Apple, Steve Jobs e Steve Wozniak.

Nell’intervista rilasciata a Business Insider, Grant spiega che oggi la procrastinazione è associata alla pigrizia e all’apatia ma nell’antico Egitto la si considerava come un avvertimento: il momento giusto non è ancora arrivato. Vale a dire che chi procrastina, in fondo a se stesso, sa che quello non è il momento per procedere.

Se la procrastinazione, afferma Grant, è negativa parlando di produttività, è invece positiva per la creatività. Lo sapeva bene Steve Jobs che rimandava le cose per far nascere idee più alternative rispetto a quelle convenzionali.

Trattasi di procrastinazione strategica che tutti noi, a detta di Grant, possiamo testare nella vita quotidiana, semplicemente interrompendo qualsiasi attività creativa e rimandandola prima del termine, per consentire a idee più originali di emergere.

I vantaggi della procrastinazione

Genialità a parte, i vantaggi della procrastinazione non finiscono qui, eccone un elenco:

  1. ci permette di avere un quadro d’insieme più completo quando dobbiamo prendere una decisione;
  2. mentre rimandiamo un lavoro, abbiamo più tempo per perfezionarlo e individuare eventuali errori e sviste;
  3. ci permette di non perdere tempo in attività inutili o che semplicemente non fanno per noi;
  4. ci protegge dall’iper-produttività tipica di questi tempi;
  5. stimola e migliora la creatività alternativa;
  6. ci permette di capire cosa davvero fa per noi.

E tanto per concludere in bellezza, sappiate che un’altra ricerca, “The Structural and Functional Signature of Action Control”, ha dimostrato tramite risonanza magnetica che la causa della procrastinazione è un’amigdala mediamente più grande, nonché una bassa connessione funzionale tra quest’ultima a l’ACC dorsale.

L’amigdala è coinvolta, fra le altre cose, nella gestione delle emozioni e se è di dimensioni maggiori, causa maggiore ansia quando ci si appresta a svolgere un dato compito. A dimostrazione che la procrastinazione non dipende necessariamente dalla pigrizia!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Illustrazione: Laura De Rosa/Mirabilinto.com

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Deceuninck

Come scegliere gli infissi giusti per una casa ecosostenibile

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook