Come affrontare la paura della morte e vivere meglio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non siamo abituati a pensare spesso alla morte perché è qualcosa che ci fa soffrire e sentire tristi. Eppure l’idea della morte può aiutarci a cambiare in meglio la nostra vita, a vivere in maniera più ricca e affettuosa verso gli altri.

Per alcune persone morire in modo tranquillo significa avere l’occasione di poter salutare tutte le persone care prima di andarsene. Non sempre e non per tutti sarà possibile. Dunque qualcuno ha pensato di trovare delle strategie per preparare il proprio addio e per alleggerire le sofferenze delle persone che ci saranno vicine in quel momento.

Come ci ricorda la Dott.ssa VJ Periyakoil, direttrice dello Stanford Palliative Care Education and Training Program, ci sono morti improvvise, ad esempio causate da un incidente, che lasciano la famiglia e gli amici della persona scomparsa molto addolorati.

La sua soluzione è scrivere, magari fin da ora, una lettera d’addio dedicata agli amici e alla famiglia. Per aiutarci a farlo ha appena pubblicato 7 punti fondamentali da inserire nella lettera che ci aiuteranno a scrivere il nostro addio. Le sue riflessioni nascono dagli anni passati a fianco di pazienti in condizioni critiche.

Leggi anche: COME SUPERARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA

Ecco i 7 punti da ricordare per scrivere una lettera d’addio alla famiglia e agli amici:

1) Riconoscere le persone importanti nella nostra vita.

2) Ricordare i momenti più preziosi.

3) Chiedere scusa alle persone a cui vogliamo bene se le abbiamo ferite.

4) Perdonare le persone care anche se ci hanno ferito.

5) Esprimere gioia e gratitudine per l’amore e l’affetto ricevuti.

6) Dire alla famiglia e agli amici quanto li amiamo.

7) Prendersi un momento per dire addio.

Periyakoil ha scritto il proprio modello di lettera d’addio in 8 lingue diverse in modo che tutti possano comprenderla. A suo parere scrivere una lettera d’addio è una buona idea per tutti, non solo per chi in questo momento è anziano o malato.

Ovviamente Periyakoil ha sottolineato che si possono adattare i 7 punti base per scrivere la lettera a seconda delle proprie esigenze. L’importante è riuscire a lasciare delle parole toccanti e di conforto e un saluto affettuoso a chi amiamo.

A suo parere scrivere ora una lettera di questo tipo potrebbe cambiare fin da subito il nostro modo di rapportarci con la famiglia e gli amici e di comunicare con loro perché ci permetterebbe di ritrovare la consapevolezza che le persone che ora ci sono vicine potrebbero non essere più al nostro fianco quando meno ce lo aspettiamo.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook