Credits: i-Perception

In questo nuovo tipo di illusione ottica il cervello umano immagina linee luminose unendo i puntini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo tipo di illusione ottica permette di scoprire come il cervello umano riesca a connettere i punti creando linee luminose che non esistono nella realtà. 

Si chiama ‘Scintillating Starburst’ ed è una nuova particolare illusione ottica creata da un team di psicologi dell’Università di New York, che l’hanno sfruttata come stimolo per comprendere meglio il comportamento del nostro cervello e della percezione visiva.

Il nome evoca i raggi illusori che l’occhio percepisce (ma che non ci sono) e che sembrano brillare e scintillare, proprio come un’esplosione di stele (starburst, appunto). L’immagine, infatti, è costituita da numerose paia di poligoni concentrici di dimensioni progressivamente più piccole: chi la osserva può percepire effimeri raggi o linee che si emanano dal centro dell’immagine e che appaiono, all’occhio umano, più luminosi dello sfondo.

Questa ricerca dimostra come il cervello ‘connetta i punti’ e crei una realtà soggettiva in quello che vede, evidenziando la natura costruttiva della percezione visiva – spiega Pascal Wallisch, psicologo e autore dello studio. – Studiare le illusioni può essere d’aiuto per comprendere i processi visuali perché ci permettono di distinguere la semplice sensazione delle proprietà fisiche di un oggetto dall’esperienza percettiva.

I ricercatori riconoscono che gli effetti visuali di questa illusione ottica sono simili a quelli emersi in esperimenti precedenti basati su griglie. Tuttavia, rispetto alle illusioni ottiche finora note, Scintillating Starburst evoca nuovi effetti nel cervello umano – comprese le linee immaginarie che connettono diagonalmente i punti di intersezione dei poligoni. Per comprendere meglio come funziona questo tipo di illusione ottica, i ricercatori hanno coinvolto un centinaio di partecipanti che hanno osservato 162 versioni diverse di Scintillating Starburst – diverse per forma, complessità e luminosità.

Ai partecipanti sono state poste domande su ciò che hanno visto, in particolare sulla presenza (o meno) di linee o raggi più luminosi rispetto al resto del disegno. Da queste interviste è emerso come la confluenza di molti fattori – come contrasto, spessore delle linee, numero dei vertici dei poligoni – conta nella percezione dell’illusione: in particolare, un ampio numero di punti di intersezione sporgenti porta a raggi immaginari più spessi e vividi.

illusione ottica raggi luminosi

Credits: i-Perception

Insomma, questa ricerca illustra come il cervello ‘unisca i puntini’ per creare la propria realtà soggettiva, anche al livello percettivo, evidenziando la natura costruttiva della percezione.

Fonte: i-Perception

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook