Luna del miele: il significato spirituale della luna piena di giugno (che quest’anno regala lo spettacolo dell’eclissi)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra pochi giorni assisteremo a uno spettacolo unico. Il 5 giugno infatti potremo ammirare la “luna di miele” o della fragola, accompagnata da una suggestiva eclissi di penombra. Si tratta di un momento particolarmente importante, denso di significati spirituali.

La luna piena di giugno dai nativi americani Algonchini era definita “luna della fragola” ma nel tempo essa ha raccolto anche altri appellativi, come luna degli amanti o del miele. Questo modo di riferirsi al plenilunio di giugno ha origini molto antiche.

Secondo la tradizione, esso si richiama all’idromele, una bevanda alcolica prodotta dalla fermentazione del miele e sorseggiata fin dal Neolitico ma di cui troviamo tracce anche nell’Antico Egitto.

In molte regioni d’Europa, alle coppie appena sposate veniva tradizionalmente regalato una quantità di idromele sufficiente al consumo di un intero mese. In questo modo, si credeva che tale bevanda aiutasse nella procreazione. Visto che in epoche remote il tempo non era scandito dall’attuale calendario gregoriano ma dalle fasi lunari, ci si riferiva alla “luna di miele” come al periodo di tempo in cui la coppia avrebbe sorseggiato la bevanda per procreare. Da qui il nome anche al plenilunio di giugno, mese in cui la la fioritura è al massimo, e ovviamente alla luna di miele intesa come viaggio di nozze.

La luna piena di giugno e il suo significato spirituale

La luna piena di miele o delle fragole quest’anno sarà accompagnata anche da un’eclissi di penombra. Si tratta di un fenomeno raro carico di significati simbolici. In primo luogo, arriva nel mese in cui l’estate fa il suo ingresso, il mese della rinascita per eccellenza, quello che ospita il giorno in cui le ore di luce sono al massimo superando quelle di buio, il solstizio d’estate.

Quest’anno tale evento si verifica proprio mentre in Italia cadono le ultime restrizioni legate alla pandemia. Più che mai oggi la luna piena di giugno celebra la ripartenza, la rinascita con le sue energie benefiche. Indipendentemente dai tanti nomi che accompagnano questo plenilunio, la luna piena di giugno riguarda il godimento dei frutti del nostro lavoro. Abbiamo attraversato una primavera difficile, in cui abbiamo cercato di resistere come forse mai abbiamo fatto, abbiamo piantato i semi del nostro futuro e adesso l’estate sembra pronta a concederli.

Ma non possiamo pretendere da noi di essere sempre in allerta, dopo mesi passati in tensione. Impariamo lasciarci andare, a libera la mente e pensare al futuro in modo propositivo. Progettiamo un viaggio, anche breve.

E il 5 giugno concediamoci un momento di straordinaria bellezza ammirando l’eclissi di luna piena. Il 5 giugno il nostro satellite sarà parzialmente coperto da un’ombra scura a partire dalle 19.45 (ora italiana) e raggiungerà la massima visibilità alle 21.26, sparendo infine dal cono di penombra alle 23.04.

Come la luna, lasciamo alle spalle le ombre di questi mesi e apriamoci alla luce.

Fonti di riferimento: Uai, Livescience, Almanac,

LEGGI anche:

Preparati, perché potrai vedere un’eclissi anulare solare e un’eclissi lunare questo giugno

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook