©Marina Zlochin/123rf

Giornata della Lentezza 2021: liberati da rabbia e dolore, è ora di iniziare ad apprezzare ciò che hai

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi 3 maggio si celebra la 15esima Giornata della Lentezza, una nuova occasione per mettere insieme una società più riflessiva e partecipe, in cui si sappia recuperare la gioia di vivere apprezzando ciò che si ha

Lentezza da un anno a questa parte di fare spesso rima con uno stallo quasi angoscioso, con quella sorta di latente rassegnazione che scandisce i nostri giorni. Eppure, parlare di lentezza nella sua più nobile sfaccettatura ancora ce lo meritiamo, non fosse altro che ci rende più liberi dalla rabbia e dal rancore.

È questo il messaggio che ci vogliono inviare gli organizzatori dell’associazione Vivere con Lentezza, che ogni anno propongono per il primo lunedì di maggio numerose iniziative che si svolgono nelle città aderenti un po’ in tutta Italia.

Leggi anche: Il paradosso della Giornata della Lentezza 2020 che cade proprio il giorno in cui l’Italia inizia ad accelerare

Il 4 di maggio dell’anno scorso si ripartiva, si poteva riaprire, ognuno di noi con il suo elenco di cose da fare non appena fosse stato possibile, timorosi, ma anche fiduciosi ci siamo addentrati in questo nuovo anno. Ed eccoci qui ad osservare le stelle a capire che cosa ci porterà questo nuovo anno. Alcuni di noi sono stati colpiti dalla malattia, qualcuno ha perso i propri cari, qualcuno non ce l’ha fatta ed ora siamo qui increduli ad aspettare“.

Saper accettare quello che non riusciamo a cambiare è sempre un buon viatico per vivere. E se la pandemia ci ha disarmati da un lato, dall’altro ci ha costretti a fermarci, a curarci, a curare qualcuno, a prenderci cura.

Rabbia e dolore ci assalgono – concludono gli organizzatori – frutto delle difficoltà di oggi e di sempre, osserviamole senza farci travolgere. Siamo in un caleidoscopio che ha scomposto la nostra immagine per proiettarci in una nuova, alcuni ne sono usciti conquistando nuove consapevolezze, altri sono stati scomposti e non si ritrovano nella nuova immagine proiettata. Il caleidoscopio però non è mosso da noi, e la lentezza obbligata è diversa da quella per scelta. Tutto dipende da quello che ci si aspetta“.

Il trucco è saper attendere senza aspettative, ma con tanta fiducia.

Fonte: Vivere con Lentezza

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook