Che cos’è la felicità? Così la spiegava Zygmunt Bauman

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quante volte ci siamo chiesti che cos’è la felicità?

E quante altre, ci siamo persi tra pensieri e frasi a interpretazioni libere? Il sociologo polacco Zygmunt Bauman, scomparso ieri, era tra coloro che ci si interrogava sul come essere felici in una società liquida.

La smania del desiderio, il consumismo di massa, secondo Bauman, avevano contribuito a dimenticare questa parola così vitale: felicità.

“La felicità è uno stato mentale, corporeo, che sentiamo in modo acuto, ma che è ineffabile. Una sensazione che non è possibile condividere con altri. Ciononostante, la caratteristica principale della felicità è quella di essere un’apertura di possibilità, in quanto dipende dal punto di vista con il quale la esperiamo”, spiegava il sociologo di origini ebraiche.

Mentre nell’antichità essere felici era un lusso concesso a pochi, in tempi recenti la felicità veniva considerata come un diritto universale, e oggi?

“È un dovere, sentirsi infelici provoca senso di colpa. Dunque, chi è infelice è costretto, suo malgrado, a trovare una giustificazione alla propria condizione esistenziale”, diceva.

LEGGI anche: 96 LEZIONI DI FELICITÀ DA MARIE KONDO A PARTIRE DAL RIORDINO

Parallelamente a questo, Bauman sosteneva che la felicità dovesse essere un obiettivo a cui tendere, cioè il fine quotidiano della nostra esistenza, perché la cosa più sbagliata da fare è ‘desiderare il desiderio più che la realizzazione di esso’.

“Quest’atteggiamento dà luogo ad una catena tendenzialmente infinita di frustrazioni e insoddisfazioni”.

LEGGI anche: IL SEGRETO DELLA FELICITÀ È NEL NOSTRO CERVELLO!

Ed ecco che a commento de ‘La teoria svedese dell’amore’, un film di nicchia di Erik Gandini, Bauman diceva:

“Felicità non significa una vita priva di problemi. Una vita felice si ottiene superando le difficoltà, fronteggiando i problemi, risolvendoli, accettando la sfida. Accetti una sfida, fai del tuo meglio e ti impegni a superarla. E poi sperimenti la felicità nel momento in cui capisci di aver tenuto testa alle difficoltà e al destino. E invece ci si sente persi se aumentano le comodità. La felicità – conclude Bauman – è la sfida dell’umanità presente, per la sua dignità futura“.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook