Sono le emozioni negative e non lo stress a logorarci il cervello. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le negatività provoca un declino cognitivo più rapido, ecco perché dovremmo essere più positivi!

Attenzione alle emozioni negative: potrebbero mandarvi in pappa il cervello. È più o meno questa la conclusione cui sono giunti alcuni ricercatori americani che hanno analizzato il declino cognitivo negli anziani sottoposti a stress.

Secondo uno studio dell’Università di Stato dell’Oregon, in sostanza, non è tanto lo stress a rovinarci le giornate, quanto le emozioni negative e come affrontiamo il logorio quotidiano e le difficoltà della vita di tutti i giorni.

Dai dati è emerso, infatti, che vi è un peggioramento delle funzioni cognitive nelle persone che provano emozioni negative quando si trovano in situazioni stressanti. Un motivo in più per cominciare a pensare positivo.

Per giungere a queste conclusioni, gli studiosi americani hanno seguito per 2 anni e mezzo un gruppo di 111 persone tra i 65 e i 95 anni. Ogni sei mesi, i partecipanti sono stati sottoposti ad alcuni questionari per conoscere le loro abilità cognitive. In più, ogni partecipante doveva raccontare se tutte le situazioni stressanti vissute da soli, in famiglia o con amici e spiegare le loro emozioni indicandole in una scala di varia intensità da “positive” a “negative”. Inoltre gli esperti hanno raccolto informazioni sulle condizioni fisiche dei volontari.

Al termine delle indagini è venuto fuori che coloro che reagivano per lo più alle situazioni stressanti con emozioni ancora più negative, avevano prestazioni cognitive più scarse rispetto alle persone che invece reagivano con emozioni più positive. In più il team ha scoperto che per le persone tra i 70 e i 90 anni lo stress aumentava il declino cognitivo, discorso non valido per i soggetti tra i 60 e i 70 anni.

Tutto a dimostrazione del fatto che il modo in cui riusciamo ad affrontare la vita quotidiana influenza non solo il nostro umore, ma anche le nostre funzioni cognitive e affrontare le difficoltà con emozioni positive ci aiuta a mantenere il nostro cervello in salute!

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook