Una bugia tira l’altra: così il cervello si abitua a mentire sempre di più

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una bugia tira l’altra. Una ricerca dal titolo “Il cervello si adatta alla disonestà” sembra svelare infatti che chi mente una volta è più incline a farlo nuovamente in futuro. La causa di questo sta nel fatto che il cervello si adatta alle emozioni negative e tende a ripetere lo stesso schema.

Lo studio condotto presso il Dipartimento di psicologia sperimentale dell’University College of London (UCL) dal team guidato da Neil Garrett ha preso a campione 80 persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni. L’esperimento consisteva semplicemente nell’indovinare il numero di monete inserite in un barattolo di vetro e comunicarlo tramite pc ad un’altra persona sconosciuta. Gli scenari erano diversi e alcuni dei partecipanti erano stati messi in condizione di avere dei vantaggi se mentivano sulla stima del numero di monete o meglio alcuni se dicevano una bugia arrecavano benefici a se stessi ma danni ad altri, in alcuni casi invece non vi era danno per nessuno e in altri ancora vi erano vantaggi per entrambi.

Leggi anche: COME RICONOSCERE E SMASCHERARE UN BUGIARDO IN 6 PASSI

Si è visto così, mano mano che l’esperimento procedeva, che coloro che avevano mentito ed ottenuto un vantaggio per se stessi erano più propensi a continuare a farlo. Per spiegare scientificamente il meccanismo alla base di questa situazione, gli scienziati hanno sottoposto alcuni dei partecipanti a risonanza magnetica funzionale. Quello che si evidenziava nei bugiardi era una progressiva diminuzione dell’attività nell’amigdala, la parte del cervello che si attiva in risposta a diversi tipi di emozione.

“È come se la risposta smorzata del cervello a ripetute azioni disoneste rifletta la reazione emotiva a queste azioni” ha dichiarato il professor Garrett.

Sembra insomma che il cervello in qualche modo si adatti alla disonestà e questo meccanismo si evidenzierebbe a causa dell’amigdala la cui attività già altre ricerche hanno collegato al rifiuto di atteggiamenti immorali. In questo caso si è visto che, continuando a dire bugie, l’amigdala tende a ridurre sempre più la sua risposta.

Alla luce di questi nuovi risultati: se volete evitare che una piccola bugia vi sfugga di mano, meglio risolvere il problema a monte cercando di essere il più possibile onesti e sinceri fin dall’inizio!

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook