Non esporti troppo alle cattive notizie: il tuo cervello non è in grado di assorbire tutto il male del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Leggere o ascoltare ogni giorno cattive notizie aumenta il ciclo di tristezza, stanchezza e angoscia. Mentre succede esattamente il contrario con le buone notizie, che stimolerebbero empatia, speranza e felicità. Lo ha dimostrato scientificamente uno studio condotto dall’Università della California, pubblicato sulla rivista Science Advices, intitolato “L’esposizione a eventi di violenza di massa nei media può alimentare un ciclo di ansia “.

La ricerca ha esaminato 4165 volontari statunitensi scoprendo che chi veniva esposto a continue cattive notizie, come “traumi collettivi” quali tragedie umane e catastrofi naturali, correva un maggior rischio di compromettere la salute mentale a breve e medio termine, e addirittura anche la salute fisica.

Sebbene si tratti di una cosa risaputa, sarebbe la prima volta che viene dimostrata a livello empirico:

“Il nostro studio è unico perché è il primo a dimostrare il modello [risultante] di esposizione ripetitiva a eventi di violenza di massa e lo stress che provoca nel tempo in un’ampia parte della popolazione che è stata sottoposta a sondaggi per diversi anni”.

Secondo lo psicologo Roxane Cohen Silver “la copertura mediatica di questi eventi, alimentata dal ciclo di notizie di 24 ore e dalla proliferazione di tecnologie mobili, è spesso ripetitiva e può contenere immagini grafiche sensazionali, video e storie, estendendo l’impatto sulle popolazioni oltre le persone direttamente coinvolte”.

Cattive notizie

Il problema è più che altro l’eccessiva esposizione alle cattive notizie che bombardano il cervello di chi le segue in modo diretto o indiretto. Motivo per cui, secondo i ricercatori, i media dovrebbero moderare gli aspetti più sensazionalistici, in modo da non causare eccessiva preoccupazione e disagio.

Un’ulteriore ricerca condotta da Wendy M. Johnston Graham C. L. Davey, intitolata “L’impatto psicologico dei notiziari TV negativi: la catastrofe delle preoccupazioni personali“, ha dimostrato che cambiano in peggio l’umore delle persone, rendendole più preoccupate.

Questo non significa che le cattive notizie debbano essere escluse dalla comunicazione perché è importante sapere cosa accade nel mondo, ma dovrebbero essere trasmesse con maggiore obbiettività ed essenzialità, bilanciandole con le altre. Non a caso, nello studio dell’Università della California, l’88% degli intervistati ha riferito che la sensazione di avere un “buongiorno” è stata prolungata dopo aver letto buone notizie. A dimostrazione del potere trasformatore delle informazioni positive!

Fra l’altro, secondo diversi studiosi americani il nostro sistema nervoso non è progettato per gestire un carico eccessivo di tragedie!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook