Il font che ti fa ricordare quello che leggi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arriva il primo font della memoria: Sans Forgetica è il primo carattere di scrittura creato apposta per aiutarci a memorizzare quello che scriviamo e leggiamo. Opera di un gruppo di ricerca della RMIT University (Melbourne, Australia), è nato da una collaborazione tra psicologi e specialisti del design tipografico. É disponibile gratuitamente e compatibile sia con i sistemi operativi PC che Mac.

Il font è oggettivamente più “difficile da leggere” ma questo, secondo i ricercatori, costringe il cervello ad impegnarsi di più, favorendo contemporaneamente anche la memorizzazione. E nulla è stato fatto a caso, ma seguendo una precisa teoria scientifica.

La progettazione è avvenuta infatti utilizzando un principio di apprendimento chiamato ‘difficoltà desiderabile’, con la quale al processo di apprendimento viene aggiunto un ostacolo che ci impone di impegnarci al massimo, portando a una migliore memorizzazione a seguito di un’elaborazione cognitiva più profonda.

D’altronde è più probabile ricordare qualcosa che si è dedotto da soli attraverso un’elaborazione personale che nozioni “calate dall’alto”. Se il cervello si sforza di più sarà più semplice poi che l’informazione venga immagazzinata. E non esistono smemorati, come confermato da un recente studio olandese: bisogna solo allenarsi.

Ma certo è sempre una questione di equilibrio. Se il concetto è troppo lontano dalle nostre informazioni di base, così come se il font usato è troppo distante da quello a cui siamo abituati, il cervello non riesce ad elaborare e l’informazione non viene mantenuta.

“Sans Forgetica si trova in una posizione favorevole in cui è stata aggiunto un ostacolo sufficiente a creare la memorizzazione spiega a questo proposito Stephen Banham, coautore del lavoro, che ribadisce l’entusiasmo di aver creato una sinergia tra design e psicologia.

Il font, in particolare, è stato creato con diversi “gradi di distinzione”, che sovvertono molti dei principi progettuali normalmente associati alla tipografia convenzionale e costringono i lettori a soffermarsi più a lungo su ciascuna parola, dando al cervello più tempo per impegnarsi in un’elaborazione cognitiva più profonda.

E questo migliora la conservazione delle informazioni. Circa 400 studenti universitari australiani hanno infatti partecipato a un laboratorio e a un esperimento online condotto dai ricercatori, dove sono stati testati i caratteri con una gamma di ostacoli, per determinare quale ha portato alla migliore memorizzazione. Tra questi ha vinto proprio Sans Forgetica.

In un mondo che tende a semplificare rischiando spesso di banalizzare e di rendere tutto troppo “a portata di mano” forse è necessario riflettere, fermarsi, e avere qualche difficoltà in più per ottenere risultati duraturi.

Leggi anche:

Il font è disponibile gratuitamente a questo link.

Roberta De Carolis

Foto: RMIT University

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook