Possa la fine dell’anno portare via con sé tutto ciò che ci ha ferito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’anno sta per finire e con lui abbiamo l’occasione di lasciarci alle spalle anche tutto ciò che ci ha fatto del male e ci ha ferito.

Il 31 dicembre, come sempre, è tempo di bilanci: c’è chi ha avuto un anno sostanzialmente positivo e chi invece un po’ meno. Per molti è questo il momento giusto per riflettere su ciò che si ha e su quello che si vorrebbe costruire, ma una cosa è certa: è l’occasione giusta per voltare pagina, se necessario.

Si tratta di un passaggio simbolico ovviamente, un cambio di anno (e decennio in questo caso) di cui però possiamo approfittare come fosse l’opportunità che aspettavamo per liberarci di qualcosa che non ci piace o ci fa soffrire.

Possiamo fare in modo e decidere con coscienza di chiudere con ciò che in passato ci ha fatto stare male o ci ha provocato rabbia e sconforto. Fare in modo che un ciclo si concluda (non senza averci prima insegnato qualcosa) e che divenga il punto di riferimento per le cose che, da questo momento in poi, devono diventare prioritarie nella nostra vita.

Consideriamo poi che non tutto quello che desideriamo è davvero quello che serve per farci crescere ed evolvere, scegliamo quindi di imparare e ringraziare anche per alcune nostre  sofferenze, se riconosciamo che sono state in qualche modo costruttive.

Per il 2020, quindi, potremmo augurare a noi stessi e agli altri di imparare a prenderci cura meglio della nostra salute emotiva e di non lasciare che gli altri si approfittino di noi.

Lasciare andare quello che ci ha fatto del male permette di metterci in una nuova ottica di ricezione. Apriamoci al bene, alle cose belle e all’abbondanza che, comunque, sono là fuori da qualche parte e ci aspettano. Se buttiamo via le cose che non ci piacciono e ci fanno star male, inevitabilmente si creerà spazio per cose nuove che ora possono finalmente entrare nella nostra vita!

let-go

Non resta quindi che far portare via da questa notte di passaggio il cattivo umore e i sentimenti negativi. Tutto ciò che ci ha ferito può essere messo da parte: le persone, le situazioni, le cose…

Terminiamo l’anno comunque con gratitudine, serenità e maggiore comprensione interiore, mettiamo fine a relazioni tossiche (se esistono nella nostra vita), cambiamo atteggiamento volgendolo al positivo, finalizziamo eventuali questioni in sospeso!

Lasciamoci tutto alle spalle, giriamo pagina e andiamo avanti!

Lavoriamo per rendere realtà i nostri desideri più belli e diventiamo piloti della nostra vita, subito e senza remore!

“Chiudete i cicli. Non a causa dell’orgoglio, dell’incapacità o dell’ignoranza.
Ma semplicemente perché non fanno più parte della vostra vita.
Chiudete la porta, cambiate musica, pulite la casa, eliminate la povere.
Smettete di essere quello che eravate e cambiate in quello che siete.” Paulo Coelho

Buon 2020!

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook