Se vuoi iniziare a vedere il bicchiere mezzo pieno, metti da parte queste 10 abitudini (più 1) delle persone infelici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scopriamo le 11 abitudini che rendono le persone infelici secondo alcune ricerche a tema, e come evitarle

L’infelicità non è una colpa, è semmai un disagio. Non dobbiamo sentirci peggiori degli altri se non stiamo bene con noi stessi o con il mondo circostante. Capita a tutti. E nei casi più gravi, come quando l’infelicità si protrae da troppo tempo, l’intervento di un professionista è indispensabile. 

Detto questo, alcune abitudini possono renderci più infelici e suggerirci che qualcosa probabilmente non va. Vale la pena tenerle d’occhio e se possibile, provare a cambiarle. 

Essere troppo pessimisti

Secondo uno studio a tema, le persone pessimiste sono più inclini alla depressione perché tendono a prestare maggiore attenzione ai segnali negativi, tralasciando gli elementi positivi delle diverse situazioni. Inoltre si arrendono più facilmente di fronte agli ostacoli. Provare a guardare le cose da un altro punto di vista, focalizzando l’attenzione sulle soluzioni, potrebbe essere d’aiuto. 

Focalizzarsi su ricordi negativi

Focalizzarsi sui ricordi negativi non favorisce il buonumore. E a quanto pare chi è infelice, secondo questo articolo di Psychology Today, tende a ricordare spesso episodi negativi, escludendo quelli positivi. Il problema è che “lo stato d’animo determina i ricordi che vengono in mente e i ricordi che vengono in mente influenzano lo stato d’animo“. Insomma, un circolo vizioso da cui è difficile uscire. Come rimediare? Provando a lasciar andare i ricordi peggiori, facendo spazio agli altri. La meditazione potrebbe tornare utile. 

Seguire una dieta povera di cibi nutrienti

Secondo uno studio condotto su alcuni adulti che soffrivano di depressione, una dieta povera di nutrienti non favorisce il buonumore ed è spesso associata ad ansia e depressione. Al contrario, una dieta equilibrata e sana aiuta a sentirsi meglio anche dal punto di vista mentale. (Leggi anche: Questo semplice errore nella dieta ti sta rendendo più infelice (stando a un sondaggio inglese)

Essere troppo critici verso sé stessi e gli altri

Le persone infelici, come abbiamo detto, tendono a vedere tutto nero e questo atteggiamento le induce, a volte, a essere particolarmente critiche nei confronti di se stesse e degli altri, come ha evidenziato uno studio. Ma rendersi conto dei propri errori e accettarli è importante. Così come riconoscere il diritto delle altre persone di vivere secondo i propri principi, andando oltre al giudizio. 

Essere troppo materialisti

Una ricerca ha evidenziato che il materialismo è spesso correlato a livelli inferiori di soddisfazione. Secondo gli studiosi ciò dipenderebbe dal fatto che i materialisti tendono a non essere grati per quello che hanno e livelli inferiori di gratitudine sarebbero correlati a bisogni psicologici non soddisfatti. 

Cedere alle dipendenze

Capita che uno stato di infelicità cronica renda le persone più inclini alle dipendenze, in primis da alcol. Matt Glowiak, terapista di Chicago, ha dichiarato che spesso le persone bevono per affrontare la depressione e che, al tempo stesso, si deprimono perché bevono troppo. Un circolo vizioso molto pericoloso, anche perché quando la mente di un individuo depresso si deprime, i sintomi si intensificano. Quindi alcolismo e depressione si rafforzano a vicenda. Come uscirne? Affidandosi a dei professionisti in grado di consigliarvi nel modo giusto. 

Lamentarsi troppo

Secondo un articolo pubblicato su Psychology Today esistono diverse forme di lamentela. Una di queste appartiene alle persone costantemente insoddisfatte, che tendono a rimuginare sui problemi e a concentrare l’attenzione sugli aspetti negativi. Abitudine che tende a radicarsi nel tempo. Un’altra forma è lo sfogo, ovvero il lamento dovuto a un evento negativo. Il problema è che entrambe le tipologie peggiorano l’umore, come hanno dimostrato alcuni studi a tema, monitorando alcune persone prima e dopo aver ascoltato delle lamentele. Si è rilevato che queste ultime facevano sentire peggio sia le persone che le ascoltavano, sia chi si lamentava. (Leggi anche: Come smettere di lamentarsi per vivere meglio)

Pensare troppo

Pensare troppo non fa bene all’umore, parola degli scienziati che, in questa ricerca, hanno scoperto una correlazione con l’ansia e la depressione. Il problema è che purtroppo si tratta di un’abitudine molto difficile da interrompere. Ma anche in questo caso la meditazione viene in aiuto, l’arma migliore per zittire la mente e focalizzarsi sul presente (Leggi anche: cosa succede al corpo e alla mente praticandola 10 minuti al giorno)

Rimandare continuamente 

La procrastinazione a quanto pare provoca ansia, senso di colpa, infelicità. E secondo Eric Jaffe sarebbe provocata dall’incapacità di gestire le emozioni. Un approccio controproducente. 

Il problema è che quando non coltiviamo le nostre passioni, rimandiamo continuamente i nostri sogni e rinunciamo ai nostri obiettivi, rischiamo di non sentirci appagati. E così si insinua in noi una terribile sensazione di incompletezza e di infelicità. 

Evitare gli altri

Le persone infelici spesso non hanno voglia di trascorrere del tempo in compagnia. Il problema è che, non socializzando, tendono a chiudersi sempre più in se stesse. Un circolo vizioso che non fa bene all’umore, come ha dimostrato uno studio che ha messo in evidenza i rischi per la salute dell’isolamento sociale. 

Fare vita sedentaria

Infine, cerca di dare un taglio alla sedentarietà! Secondo uno studio esisterebbere una relazione tra salute mentale e attività fisica. Ovvero chi fa più sport tende a sentirsi meglio anche dal punto di vista mentale. La ricerca, che ha preso in esame 6.909 adulti, ha infatti rilevato che aumentando la loro attività fisica, la salute mentale ne risentiva positivamente. 

E’ stato ampiamente dimostrato che bastano 21 giorni per sradicare una cattiva abitudine sostituendola con altre abitudini più benefiche per corpo e mente. Non dovete eliminarle tutte di botto. Focalizzatevi su quella che maggiormente influisce nella vostra vita in questo momento e cominciate da lì, l’effetto domino della positività sarà impressionante. (Leggi: 7 buone (e semplici) abitudini che alzano il tuo livello di felicità)

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook