Abbassa la voce, smetti di urlare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Viviamo in una società che urla oramai su tutti i fronti. Secondo l’Agenzia Europea per l’ambiente in Italia i livelli di rumore superano i 65 decibel in quasi tutte le città; il fenomeno è particolarmente grave nelle aree urbane dove la popolazione risulta esposta anche a livelli superiori ai 75 decibel, fino a 85 sulle strade.

Secondo l’Agenzia, 65 decibel sono il livello massimo diurno ammissibile in ambiente esterno (per garantire condizioni accettabili di comfort negli ambienti interni) e il superamento prolungato favorisce l’insorgere di patologie a carico dell’apparato uditivo; in effetti, solo in Italia, dal 2012 al 2015 la percentuale dei ragazzi con problemi di udito è passata dal 3 al 4,2%. Il 25% in più. Ci sono troppi decibel in cuffia, negli auricolari, nelle discoteche, in auto (l’Organizzazione mondiale della sanità, da parte sua, invita a seguire “la regola del 60”: musica mai superiore a 60 decibel e per non più di 60 minuti al giorno) ma anche semplicemente guardando la Tv. Così, anche, spesso le persone parlano – senza rendersene neanche troppo conto, nella normale quotidianità – con un tono di voce spontaneamente più alto: spesso per superare i rumori intorno, talvolta per “farsi sentire”.

Urla la Rete: non solo nella comunicazione insana dei troll che volutamente intorpidiscono le acque, agganciano agli ami del litigio e della provocazione ma anche quando – per ignoranza della netiquette o menefreghismo – qualcuno SCRIVE TUTTO IN MAIUSCOLO.

Non che urlare, di per sé, sia qualcosa di sbagliato: un urlo può essere liberatorio, può preparare ad un’azione, può esprimere un dolore acuto che non si riesce a contenere. Ma quando diventa prassi quotidiana, spesso al di fuori del nostro controllo, esprime un problema: alzando la voce cerchiamo di affermare in modo perentorio la nostra presenza (o la nostra opinione); entriamo in una modalità che non consente l’ascolto (ricevuto e donato) e una reale comprensione reciproca perché diventa rumore: che ottunde, nasconde, permette solo di “sentire”. Non facilita l’entrare in relazione con gli altri e, in realtà, neanche con se stessi.

urlo

Secondo Guido Conti, responsabile dell’unità audiologica del Policlinico A. Gemelli, “alzare al massimo il volume del suono potrebbe essere una scelta per non sentire i rumori del mondo. Più assordante è il suono e più ci si sente protetti dalle parole e dai rumori di una società bisbetica, dal fragore delle armi, dal pianto di chi fugge dalla violenza e dalla morte”. Dalla complessità che ci circonda.

Possiamo però scegliere di fare diversamente. Abbassare i toni. Ritirarci dalla “lotta urlante” della comunicazione social e tradizionale. Abbassare i volumi, in casa, di radio e tv (accettando il fatto che, all’inizio, si farà difficoltà a sentire bene come prima: l’orecchio va rieducato) e tenere i due apparecchi accesi solo se li si guarda/ascolta. Ascoltare il suono della propria voce, modularlo consapevolmente.

Inoltre, come conferma anche uno studio scientifico, un tono di voce basso, tutt’altro che urlato, risulta piacevole e rende la persona persino più attraente, favorisce la conversazione.

Si tratta di fare spazio al silenzio: è quello che consente l’ascolto e la formulazione di parole giuste. Le pause. Il giusto ritmo. Il volume adeguato alla situazione. Nel rispetto che è accoglienza e dialogo al tempo stesso.

Sul silenzio leggi anche:

Possiamo ripartire da qui. Non significa rinunciare ad esprimersi ma – anzi – prendersi il tempo e lo spazio per farlo in modo diverso: più forte e incisivo, perché consapevole.

Anna Maria Cebrelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Psicologia, love&life coach con orientamento spirituale-evolutivo, counselor in psichènergia, facilitatrice in deep democracy e con una formazione in naturopatia.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook