depressione

Depressione, un nemico spesso invisibile, ignorato, a volte non riconosciuto ma latente. Un malessere che non va sottovalutato. Per questo Google offre un nuovo strumento per imparare a riconoscerne i segnali.

Cercando “clinical depression” su Google da smartphone apparirà uno strumento per capire se si è depressi. Non fraintendiamo. Un medico avrà certamente strumenti migliori per aiutare le persone che ne sono affette e in nessun caso il web può sostituirsi a un dottore.

Va detto però che lo strumento offerto da Google (al momento per gli Usa) non aspira a curare ma aiuta a riconoscere se sì è o meno depressi tramite un questionario di screening in grado di verificare il livello probabile di depressione.

Poco interesse o piacere nel fare le cose, problemi di concentrazione su azioni come la lettura del giornale o la televisione?, sono aspetti su cui il questionario invita a riflettere. Quest'ultimo non è affatto banale ma è stato realizzato con la collaborazione della National Alliance on Mental Illness americana.

Le statistiche Usa mostrano che spesso chi presenta i sintomi della depressione impiega da 6 a 8 anni prima di iniziare un trattamento, perdendo del tempo prezioso.

“Crediamo che la consapevolezza della depressione possa contribuire a potenziare ed educare tutti consentendo un accesso più rapido al trattamento. E questo strumento può aiutare” spiega Google, precisando che non pretende di fare diagnosi ma di sensibilizzare sulla depressione.

Quest'ultima è una condizione molto comune. Rivela Google che solo negli Usa appena il 50 per cento delle persone che ne sono affette si sottopone a un trattamento.

googledepressione

“Per contribuire a sensibilizzare sulla consapevolezza di questa condizione, abbiamo collaborato con Google per fornire un accesso più diretto agli strumenti e alle informazioni alle persone che potrebbero soffrirne” dichiara la National Alliance on Mental Illness.

LEGGI anche:

Ci sono dei sintomi da non sottovalutare, anche se spesso bisogna anche riflettere sulle cause alla base della depressione. L'importante è non ignorare i segnali che il nostro corpo ci invia e non avere timore o paura di confrontarsi con un medico.

Francesca Mancuso

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram