colori camera bambini
L'uso mirato dei colori con i bambini, per favorire l'apprendimento e la memoria. L'efficacia dimostrata da studi scientifici.

Il rosso è stimolante e, al tempo stesso, un segnale di allerta. Il verde aiuta a riequilibrare mentre il blu favorisce una chiara comunicazione. Il “potere” dei colori non è cosa nuova: applicata da sempre, negli ultimi decenni la cromoterapia è una delle tecniche dolci, forse la più “dolce”, dell'ampio gruppo delle medicine olistiche. Agisce sul fisico, sull'aspetto emotivo e su quello mentale. E che non si tratti di “acqua fresca” lo dimostrano anche diversi studi scientifici. Come – ad esempio - quello, recentissimo (del 2014) di Maryam Ajilian Abbasi pubblicato sull'International Journal of Pediatrics, che approfondisce l'uso dei colori nell'arredare le stanze dei bimbi.

In sintesi, l'avvertenza che emerge è: quando si scelgono i colori da utilizzare per le camere in casa, è importante – prima - pensare all'umore che si vuole creare e se si vuole qualcosa che ispiri leggerezza, ariosità oppure intimità, accoglienza.

Quando ci si avvicina alla psicologia dei colori è bene sapere che ogni colore ha una sua valenza e risonanza con il nostro corpo, dovuti sia alla sua frequenza e lunghezza d'onda, quindi biologicamente innati, che alla valenza culturale. Il colore viene sempre percepito, consapevolmente o meno e induce un'influenza che dipende anche, però, dal contesto (il rosso scoppiettante di un fuoco, nel camino, indurrà relax e la sensazione di accoglienza; nel bosco, se si ha la percezione che possa diventare incontrollato, i sentimenti saranno di paura.

Con i bambini i colori sono estremamente efficaci (loro hanno meno condizionamenti degli adulti, il loro corpo energetico ha subito meno sollecitazioni disarmoniche dall'ambiente, alimentazione errata, farmaci, false credenze ecc); l'effetto è immediato, più facilmente osservabile: si va dal miglioramento dello sviluppo emotivo, ad una diminuzione di tensioni e aggressività, facilitazione e miglioramento del sonno, diminuzione del rumore “prodotto” e – molto interessante – con l'uso mirato di colori i bambini sono riusciti ad organizzare meglio anche i loro pensieri (con quindi un'influenza sul funzionamento cognitivo).

In generale la regola è: per i bambini molto piccoli, evitare colori forti o forti contrasti, macchie di grigio o di nero; via libera alle tonalità pastellate. "I bebè sono molto più felici circondati da queste sfumature che sono calmanti e rilassanti": afferma una studiosa dei colori, June McLeod. Se si vuole uscire dal rosa o dall'azzurro, sarà perfetto il lilla pallido, adatto per entrambi i sessi e con un effetto calmante. Corallo, pesca, rosa sul soffitto daranno invece al bambino la sensazione di uno spazio sicuro e protetto.

camera colori bambini

I colori primari, le tonalità più vivaci e stimolanti potranno essere presenti ma nei giochi e in elementi d'arredo morbidi nei materiali o nella forma: questo tipo di informazione infatti è utile come sollecitazione ma va dosata per brevi momenti e va “nascosta/modificata” per avere un'atmosfera poi più riposante, per momenti tranquilli.

Man mano che crescono, si può aumentare la quantità di luce e di forza dei colori (anche se i bambini più sensibili o timidi preferiranno, si troveranno meglio in nuance più sfumate). 

Per quanto riguarda lo studio: in generale sarà meglio evitare, sulle pareti, disegni geometrici molto definiti, perché distraggono; le sfumature di azzurro facilitano invece l'apprendimento e possono essere abbinati a toni crema, con quantità di arancio-giallo, che creano anche la giusta energia di stimolazione del processo mentale, del pensiero (attenzione ad evitare le sfumature “acide” che possono causare mal di testa e irritabilità). Rosso corallo, azzurro-viola sono perfetti per le aree dedicate alla socialità: creano ispirazione e gioco immaginativo; il viola, in particolare, sollecita entrambi gli emisferi cerebrali: piccole dosi di questo colore migliorano e rendono più originali i lavori prodotti dai piccoli.

In generale, memoria e studio dei bambini sono influenzati da questi colori:

  • il blu: migliora la creatività e stimola un ambiente fresco e rilassante. Ne basta poco: può avere infatti effetti depressivi, evocare sentimenti di tristezza;
  • il rosso: è il colore della passione e dei sentimenti forti della minaccia, dell'amore o dell'eccesso di stimolo. In ambienti scolastici può essere utilizzato in combinazione con altri colori perché aiuta in attività particolareggiate e che vanno ripetute; da evitare in casa (a parte piccole macchie di questo colore);
  • il giallo: per i bambini, e non solo, è il colore della felicità e del sole; stimola l'intelligenza ma non deve essere in eccesso, per non stressare e ipersollecitare;
  • il verde: è il colore dell'abbondanza; perfetto per rilassarsi, aiuta anche la salute;
  • il rosa: calmante, può abbassare la frequenza cardiaca;
  • il viola: sollecita la riflessione, il pensiero creativo e la logica;
  • l'arancio: molte scuole lo utilizzano in quanto farebbe aumentare il pensiero critico e la memoria e, in generale, le prestazioni scolastiche.

 Insomma, via libera ai colori. Con rispetto e attenzione alle età e alle funzionalità che si vogliono incoraggiare nei bambini.

Anna Maria Cebrelli

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram