i-ching

I Ching, o Libro dei Mutamenti, è forse uno dei testi più letti al mondo e “tratta del Cielo e della terra, dello Yin e dello Yang, delle Quattro Stagioni e dei Cinque Elementi; è lo studio del divenire per eccellenza”. Antichissimo, risale ad oltre 4000 anni fa.

I Ching racchiude le conoscenze e la sapienza delle due maggiori correnti filosofiche e religiose cinesi, il Taoismo e il Confucianesimo (e, tra l'altro, è ritenuto uno dei libri canonici rivisti, integrati, arricchiti nei contenuti proprio da Confucio; gli altri sono: Le Memorie sui Riti, che definiscono i rapporti tra gli uomini; il Classico dei Documenti, in cui si parla delle gesta dei re nell'antichità; Il Classico delle Odi, dedicato alla poesia: i soggetti sono monti e fiumi, vallate e burroni, alberi ed erbe, animali ed uccelli, maschi e femmine; Annali delle Primavere ed Autunni, ovvero lo studio del governo dell'umanità, che tratta di cosa è giusto e cosa non lo è).

La bellezza e la magia dell'I Ching sta nel suo linguaggio simbolico e nel fatto che le sue “sentenze” (le indicazioni che fornisce, a chi gli pone una domanda) hanno un contenuto universale: raccontano delle profonde leggi che governano la natura e l'uomo, rispettandone sia il destino che il libero arbitrio. Ricordano che nulla è fermo per sempre (neppure se è morto). Ecco perché si chiama “Libro dei Mutamenti”: perché tutto, continuamente, si trasforma. È in divenire. Al giorno segue la notte e alla fine della notte rinasce il giorno; dopo il sole arrivano le stelle e la luna, all'inverno segue la primavera, dopo una tempesta torna il sereno e il cielo sereno prima o poi vedrà nuove nubi; si nasce e si cresce e in ogni istante si cambia, e nella morte si cambia di nuovo stato; il mare si muove con le maree e nell'onda che va e che viene è sempre lo stesso e mai lo stesso.

Quando si chiede, l'I Ching risponde. Spesso, della situazione presente, racconta molto più di quanto chi interroga già sappia; fornisce suggerimenti per affrontare le cose e delineando le fasi dell'azione – quindi la trasformazione – che si deve compiere. Parla anche del risultato che dipende, comunque, dalla nostra decisione di seguire o meno i suggerimenti ricevuti.

Non c'è dubbio che - come suggerisce il testo stesso – per comprendere le risposte date dai Ching sia necessario compiere una serie di passaggi: “Esamina dapprima le parole, medita tutto ciò che esse intendono, le norme fisse allora si palesano”. E poi l'avvertenza: “Se tu però non sarai l'uomo giusto, a te il significato non si svela”. Giustamente.

I Ching parlano attraverso il simbolismo dei trigrammi che parlano attraverso le linee intere, che rappresentano la polarità Yang, e le linee aperte, che indicano la polarità Yin. Ogni trigramma è costituito da tre di queste linee, in otto diverse combinazioni; la linea di base rappresenta il Qi (energia) terrestre, quella centrale il Qi umano, quella superiore il Qi celeste.

Ciascun trigramma può poi essere combinato con ognuno degli altri, dando origine a sessantaquattro combinazioni di sei linee, ovvero i sessantaquattro esagrammi: espressione vivente del libro cinese dell'oracolo, rappresentano tutte le possibili condizioni della vita umana.

Come si interrogano i Ching?

Ci sono diversi metodi: alcune conoscenze sono riservate e tramandate dai (pochi) maestri attraverso formazioni specifiche ma una lettura di base è accessibile per chiunque. Una premessa è fondamentale, anche per il raggiungimento di un "soddisfacente" risultato finale: I Ching non dovrebbero essere scomodati con domande sciocche né, tantomeno, troppo spesso. Sicuramente è bene farlo ricavandosi un tempo sufficiente, protetto da “interferenze altrui” o altre distrazioni: servono l'atmosfera e lo spazio giusti per entrare in contatto con il tema che sta a cuore e in relazione con l'apertura alla risposta che arriverà, onorando lo strumento che si utilizza.

Concretamente, si prende una moneta e si stabilisce, ad esempio, che la testa rappresenta una linea yang e la croce una linea yin (o viceversa).

Quindi, posta una domanda ben precisa (I Ching non rispondono sì o no, piuttosto danno consigli sulla situazione), si tira per sei volte la moneta. Il primo tiro determinerà la forma (linea chiusa o aperta) della linea di base dell'esagramma (partendo dal basso); il secondo tiro, la seconda linea dell'esagramma (la seconda linea partendo dal basso, verso l'alto) e così via.

Con sei tiraggi, l'esagramma sarà completato, la divinazione pronta per essere letta. La "sentenza" (espressa in forma simbolica e poetica e, normalmente, "tradotta" in un linguaggio più comprensibile in quasi tutti i testi oggi disponibili sul mercato) rappresenta la prima risposta, su cui si basa il successivo “mutamento”: ad ogni linea del primo esagramma estratto corrispondono altrettante “avvertenze” su come quell'energia si muoverà e trasformerà attraverso situazioni, persone, occasioni. 

Anna Maria Cebrelli

 

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram