Come vincere la paura di rimanere soli (il lato buono della solitudine)

paura restare soli solitudine

Siamo abituati a considerare la solitudine come qualcosa di negativo, come una condizione da evitare. Tuttavia la solitudine può diventare un’occasione unica di crescita personale che vi porterà a trovare la migliore compagnia, in voi stessi e negli altri.

Siete soli o vi sentite soli? È importante iniziare a porvi questa domanda. Forse non siamo realmente soli, ci sono delle persone intorno a noi ma per qualche motivo abbiamo il timore di entrare in contatto con loro. Magari perché ci sentiamo insicuri e temiamo di non essere all’altezza della situazione e delle aspettative altrui (che non conosciamo, ma che nella nostra mente ci spaventano e ci bloccano).

La solitudine a volte nasce dalla paura di essere abbandonati o da una delusione d’amore, anche se non si tratta di una regola che vale per tutti. Infatti c’è chi sceglie volontariamente di trascorrere un periodo in solitudine per riflettere su se stesso e sulla propria vita e chi, invece, dopo il fallimento di un’amicizia o di un rapporto di coppia va alla ricerca spasmodica della compagnia degli altri e di un gruppo di cui fare parte.

In qualsiasi situazione di solitudine, scelta o imposta, ci può essere una buona occasione per imparare qualcosa di nuovo su se stessi, ad esempio per provare a riconoscere il proprio valore personale, a volersi bene e a comprendere ciò che ci rende davvero felici.

Superare la solitudine

Se sapete che da un lato la solitudine vi fa bene ma che d’altra parte dopo un po’ di tempo inizia a starvi stretta, provate a farvi coraggio per superarla. Cercate di non rimanere bloccati nel passato. Ciò che abbiamo fatto in precedenza ormai è stato superato e sono arrivati dei nuovi giorni da dedicare al cambiamento.

La vostra solitudine è legata alla scarsa autostima? Allora provate a fare un elenco di tutti i vostri successi nella vita e rileggetelo ogni volta che vi sentite abbandonati. Provate ad abbandonare il perfezionismo, riconoscete il vostro valore e cercate di vivere in base alle vostre aspettative personali, non a quelle degli altri.

Quando volete avvicinarvi agli altri non abbiate paura di esprimere i vostri sentimenti. Ogni volta che riuscirete a ritenervi meritevoli dei doni che la vita e che le altre persone possono offrirvi la vostra solitudine diminuirà.

Leggi anche: 5 FERITE EMOTIVE CHE CI IMPEDISCONO DI VIVERE SERENAMENTE

solitudine 3

Il lato buono della solitudine

La solitudine ha in sé un lato buono, un vantaggio davvero grande: aumenta la nostra resistenza e la nostra capacità di superare gli ostacoli. Quando siamo soli e nessuno ci aiuta impariamo a riconoscere i nostri limiti e le nostre debolezze e riduciamo il grado di dipendenza dagli altri.

È vero, essere soli può diventare frustrante e creare grande ansia ma la solitudine ha anche un grande potere di guarigione. Potreste imparare a pensare che la vostra vita può essere felice e completa anche senza la presenza di una persona al vostro fianco. Si tratta di un pensiero che accresce l’autostima e la consapevolezza del proprio valore individuale.

Leggi anche: CENTRI COMMERCIALI: I NONLUOGHI DELLA SOLITUDINE SECONDO MARC AUGÉ

solitudine 2

Paura di rimanere soli: riavvicinarsi agli altri

Se volete uscire dalla vostra situazione di solitudine dovrete ricominciare ad avvicinarvi agli altri. Anche quando preferite rimanere soli per molto tempo cercate di non isolarvi completamente dal mondo e non perdete l’abitudine di uscire e di interagire con le persone anche quando si tratta semplicemente di conoscenti.

Il vostro periodo di chiusura verso gli altri potrebbe avervi fatto perdere delle occasioni di stringere amicizia o di approfondire la conoscenza di alcune persone interessanti. Forse potrete trovare dei nuovi amici tra i colleghi di lavoro o riallacciare i rapporti che si erano allentati con alcuni famigliari. Magari avete anche degli amici lontani che non vedete da tempo e con cui sarebbe il caso di rientrare in contatto.

solitudine 1

È il momento di crescere per superare la paura della solitudine

Sia la fase di solitudine che la sfida per superarla e per rientrare in contatto con gli altri fanno parte di un momento importante da non sottovalutare per la vostra crescita personale. Siete voi gli unici a sapere davvero come mai siete rimasti soli o perché avete scelto di trascorrere un momento di solitudine o di porre fine ad una relazione d’amore o di amicizia.

La fase di solitudine potrebbe essere il preludio alla vostra rinascita. Preparatevi al meglio ad affrontare i rapporti sociali e a stringere nuove amicizie. Seguite le vostre passioni e i vostri interessi per trovare automaticamente persone che siano sulla vostra stessa lunghezza d’onda. Non limitatevi ai social network per cercare di riallacciare i rapporti con gli altri.

Iscrivetevi a un corso, andate ai concerti, iniziate a praticare sport, ricontattate i migliori amici che non sentite da qualche tempo e apritevi nei confronti delle persone che sono interessate davvero ad ascoltare la vostra storia.

Quando avrete bisogno di nuovo di qualche momento di solitudine sarà solo una vostra scelta, sarà ‘terapeutico’ e servirà a guidarvi verso una nuova trasformazione.

Marta Albè