Vinitaly 2012: lo stand Salcheto va a pedali (#vinitaly)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vuoi degustare il vino? Allora pedala! Al Vinitaly 2012 arriva il primo stand off-grid, senza energia elettrica perché la corrente necessaria ad alimentarlo arriva dai visitatori che pedalano su un’apposita bicicletta. Ad allestirlo, neanche a dirlo, l’azienda Salcheto di Montepulciano, la stessa che ha lanciato lo scorso anno la prima cantina completamente autosufficiente dal punto di vista energetico e del gas.

Grazie all’idea dell’eccentrico quanto geniale Michele Manelli, proprietario della cantina, lo stand dell’azienda evidenzia un punto di discontinuità con le classiche strutture utilizzate normalmente per le fiere e gli eventi di settore e porta numerosi elementi innovativi. La struttura espositiva infatti è completamente staccata, e quindi autonoma, dalla rete elettrica centrale ed è in grado di recuperare l’energia da una piccola stazione fotovoltaica: i visitatori che vogliono degustare i vini dell’azienda devono salire sul risciò messo a loro disposizione e pedalare per azionare il generatore.

Un’idea innovativa, simpatica, ma soprattutto sostenibile, che si pone l’obiettivo di mettere in pratica in modo efficace i principi della green economy.

bici vinitaly 2

La cantina Salcheto, che ogni anno produce 200.000 bottiglie di vino grazie ai suoi 40 ettari di vigneto biologico, come abbiamo visto, non è nuova a queste iniziative: il suo proprietario infatti – grazie alla collaborazione della Fabbrica del Sole di Arezzo – è impegnato da anni nella realizzazione della “perfetta cantina ecosostenibile” per produrre un Nobile di Montepulciano buono e a impatto zero.

La cantina di Salcheto è infatti autonoma, perché ottiene energia pulita dai terreni coltivati attraverso le biomasse legnose, i gas di fermentazione delle uve e con il raffreddamento dell’acqua nel sottosuolo.

Ma c’è di più, perché al calare del sole, la cantina si illumina esclusivamente grazie a giochi di specchi e lucernari, in grado di catturare a luce esterna e diffonderla fino a 15 metri sotto terra.

Quello di Michele Manelli è un nuovo modo di produrre e concepire il vino (apprezzato e premiato dalla Legambiente e dalla Fondazione Spadolini oltre che citato sul nuovo libro di Ermete Realacci Green Italy) che lo ha portato a certificare le sue emissioni, ottenendo così la prima Carbon Footprint riconosciuta sulla propria bottiglia.

Verdiana Amorosi

Leggi anche Cantine ecosostenibili: vino carbon free. Il caso della Salcheto di Montepulciano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook