Un ufficio in mezzo al bosco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Seduti otto ore o giù di lì alla scrivania del vostro ufficio, dietro ad un monitor, o peggio con una pila di scartoffie da smaltire. E il paesaggio incorniciato dalla finestra ritrae solo grigi palazzoni. Ma un ambiente di lavoro più allegro e green è possibile. Parola degli architetti spagnoli José Selgas e Lucia Cano che hanno progettato il loro ufficio nel bosco.

Una struttura in plastica acrilica, del tutto trasparente, che ospita e ospiterà i fortunatissimi dipedenti dello studio SelgasCano. Poco fuori Madrid, nella campagna spagnola sorge questa particolare struttura realizzata in gran parte in vetro. Una sorta di tunnel immerso in mezzo al verde e circondato da alberi.

La copertura della struttura è anch’essa realizzata in plastica acrilica trasparente ed è spessa 20mm sul lato che si affaccia sul prato antistante, e si estende per tutta la lunghezza dell’edificio. Invece, la parete opposta è un muro opaco dello spessore di 11 cm, fatto di poliestere e fibra di vetro, che assicura ombra e isolamento termico-acustico.

La temperatura interna inoltre è mantenuta fresca e pulita grazie ai ricambi d’aria legati ad un sistema di carrucole collegato ad un’estremità della costruzione che fa sì che una lastra in vetroresina possa essere completamente aperta favorendo la circolazione dell’aria.

immagine

L’ufficio dove forse vorremmo lavorare tutti, realizzato in gran parte con materiali ecologici, illuminato naturalmente, scaldato dal sole ma al tempo stesso rinfrescato dall’ombra degli alberi. Secondo gli architetti “per realizzare il progetto c’era bisogno di un tetto che fosse il più trasparente possibile. Allo stesso tempo però avevamo bisogno di proteggere la zona delle scrivanie dal sole diretto”.

immagine

Soluzione fornita dalle ferrovi tedesche: “La curvatura del tetto, viene prodotta solo per i tetti di alcuni treni in Germania e quindi abbiamo dovuto aspettare l’ordinazione delle ferrovie tedesche perché i pochi metri di cui avevamo bisogno non giustificavano la produzione” spiegano gli architetti illustrando le difficoltà nell realizzazione del progetto.

E voi? Uscireste ancora col broncio da un ufficio così?

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook