Tecnica del pomodoro: segui questo metodo e avrai molto più tempo libero!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tecnica del pomodoro, cos’è e perché applicare questo strumento semplice e rivoluzionario per aumentare la produttività, ottimizzare il tempo e stimolare la motivazione per mantenerla costante

Tecnica del pomodoro. Mai sentito parlarne? La “Pomodoro Technique”, ideata da Francesco Cirillo, serve per migliorare e ottimizzare la gestione del proprio tempo. Questo significa diventare più produttivi e concentrati. Quindi lavorare meno e, soprattutto, avere più tempo libero.

Ma come funziona esattamente? Tutto si svolge attraverso un timer, magari a forma di pomodoro, che scandisce con il suo suono piccoli blocchi di tempo da 25 minuti e brevi intervalli, aiutando ogni volta a raggiungere un obiettivo lavorativo prefissato. È così che, giura chi l’ha provata, si può resistere a interruzioni, concentrandosi sui propri compiti e assicurandosi di usare al meglio il tempo a disposizione.

Il metodo in breve: primo step, analizzare la giornata per identificare il tempo a disposizione. Determinare il numero di blocchi di 25 minuti di tempo (“Pomodori”). Quindi assegnare il lavoro ai suddetti blocchi. Nessuna singola attività può richiedere più di 3-5 Pomodori (in caso affermativo, è necessario suddividere l’attività in sotto-attività). Tra i vari Pomodori bisogna pianificare una brevissima pausa di 2-3 minuti, mentre dopo diverse ore bisogna pianificare una pausa più lunga. Quindi, durante la giornata lavorativa, ogni volta bisogna far partire il timer e registrare il lavoro svolto, in modo da poter modificare il piano iniziale e risolvere tutti i problemi che ostacolano la concentrazione sul compito per l’arco dei 25 minuti.

tecnica del pomodoro

È un metodo molto semplice, facile da provare. Forse la chiave del suo successo sta nell’attribuire a un oggetto fisico, il timer a forma di pomodoro, la soluzione per eseguire diversi processi mentali fondamentali: finire un compito, resistendo alle interruzioni, concentrandosi sulla conclusione e monitorando i progressi compiuti. L’impostazione del timer e scrivere ciò che si farà durante il pomodoro incarnano la scelta di impegnarsi. Ciò che colpisce di più di questa tecnica è la sua capacità di aiutare a mantenere il delicato equilibrio mentale tra disciplina e flessibilità, essenziale per il pensiero produttivo. Altamente consigliato. O, come canterebbe Rita Pavone, “viva la tecnica del pomodoro!”.

Riassumendo:

Cos’è la Tecnica del Pomodoro

  • È un metodo per gestire al meglio il proprio lavoro e organizzare in maniera efficiente il proprio tempo.
  • All’inizio di ogni giornata scegliete le attività che volete svolgere e disponetele in ordine di priorità.
  • Ogni sessione di lavoro, di studio o qualunque attività da svolgere viene suddivisa in una sessione (pomodoro) di 30 minuti: 25 di lavoro e 5 di pausa.

Gli obiettivi della Tecnica del Pomodoro

  • Alleviare l’ansia legata al divenire.
  • Migliorare la concentrazione eliminando le interruzioni.
  • Aumentare la consapevolezza delle proprie decisioni.
  • Spronare al raggiungimento dei propri obiettivi.
  • Ottimizzare il metodo di lavoro o di studio.
  • Rafforzare la determinazione ad applicarsi con costanza nelle situazioni complesse.

Per approfondire, ecco il libro la tecnica del pomodoro

tecnica pomodoro libro

Qui un video che spiega il metodo:

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook