In Germania settimana lavorativa di 28 ore per dedicarsi ai figli e agli ammalati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Settimana lavorativa di 28 ore su base volontaria per prendersi cura della famiglia.

Esultano i metalmeccanici tedeschi che hanno vinto un’importante battaglia sul fronte sindacale. Oltre a una riduzione dell’orario di lavoro, hanno conquistato anche un aumento del salario del 4,3% e la possibilità di occuparsi di figli piccoli o parenti malati senza subire alcuna decurtazione dello stipendio.

È stato salutato come un accordo rivoluzionario quello tra il sindacato tedesco IG Metall e i datori di lavoro della regione del Baden-Württemburg, stabilendo sia un precedente che potrebbe essere seguito in tutta la Germania che un esempio positivo per tutta l’Europa.

Le settimane di scioperi e manifestazioni a cui hanno partecipato quasi un milione di lavoratori hanno ottenuto l’effetto sperato, la possibilità di ridurre l’orario di lavoro a 28 ore per dedicarsi ai bambini o a eventuali familiari malati.

Secondo quanto prevede il nuovo accordo infatti i dipendenti con figli, parenti bisognosi di cure o lavoro a turni possono convertire l’orario collettivamente concordato in giorni aggiuntivi. Inoltre, tutti i dipendenti hanno il diritto di ridurre il proprio orario di lavoro fino a 28 ore settimanali per un periodo che va da 6 a 24 mesi per poi tornare alla consueta settimana lavorativa di 35 ore.

Il contratto collettivo prevede un aumento del salario del 4,3% per 27 mesi, fino a marzo 2020, con due una tantum, il primo pari a 100 euro per i mesi da gennaio a marzo 2018 e un importo fisso di 400 euro annuale, che sarà dovuto a luglio 2019.

“Ciò avvantaggia in particolare i gruppi salariali più bassi. Il contratto collettivo è valido fino al 31 marzo 2020spiega l’IG Metall.

Per Roman Zitzelsberger, a capo del distretto del sindacato per il distretto di Baden-Wuerttemberg, IG Metall ha raggiunto un traguardo importante per i dipendenti:

“Abbiamo lottato per ogni dettaglio, ma abbiamo raggiunto un grande risultato nei problemi che ci interessano e rafforzato l’autodeterminazione nell’orario di lavoro dei dipendenti”.

“L’Europa ha bisogno di un aumento di stipendio, e tutti sono d’accordo sul fatto che la Germania possa permettersi aumenti salariali” ha dichiarato Peter Scherrer, Vice Segretario Generale della Confederazione europea dei sindacati. “Questo accordo dovrebbe ispirare aumenti salariali e migliori condizioni di orario di lavoro non solo in tutta la Germania, ma nelle aziende di tutta Europa e incoraggiare lavoratori e sindacati a organizzarsi per un accordo più equo in tutti i paesi dell’UE”.

LEGGI anche:

L’accordo riguarda 900.000 lavoratori metalmeccanici ma verrà probabilmente applicato ai 3,9 milioni di lavoratori in tutta la Germania.

Francesca Mancuso

Foto berndneeser / 123RF Archivio Fotografico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook