Combatte contro la leucemia, finisce la malattia retribuita e i colleghi gli donano 1000 ore delle loro ferie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una grave forma di leucemia gli ha succhiato non solo quasi la vita, ma anche i giorni retribuiti di malattia, tanto che Emilio Lentini, 53enne dipendente nel milanese, stava per rimanere senza stipendio. Ma 110 colleghi hanno donato ciascuno 8 delle proprie ore, racimolando quasi 1000 ore tra ferie e permessi retribuiti.

Succede alla Mattei Group, azienda che produce compressori a Vimodrone, dove Emilio ha rischiato di perdere il diritto all’indennità dopo un’assenza prolungata dovuta proprio alle sue precarie condizioni di salute.

Tutto è iniziato nel 2016, quando ad Emilio è stata diagnosticata una forma di leucemia mieloide acuta talmente grave che, secondo i medici, senza un intervento avrebbe avuto a disposizione solo pochi giorni di vita.

Ma fortunatamente così non è stato e, grazie alle cure e alla donazione di midollo del figlio, l’uomo è riuscito a sconfiggere la malattia, anche se non a recuperare completamente le forze. È, infatti, ancora troppo debole per poter tornare a lavoro per cui la sua unica alternativa pare essere mettersi in aspettativa non retribuita avendo finito i giorni di malattia.

Stavo già preparando le pratiche per l’aspettativa quando mi è arrivata questa bellissima notizia. Non so come ringraziare i miei colleghi, mi hanno davvero commosso. Grazie a loro posso mantenere lo stipendio anche per i prossimi mesi“, ha detto il 53enne alla Gazzetta della Martesana.

Ebbene, 110 i colleghi hanno aderito a questa “gara di solidarietà” e ciascuno di loro ha donato 8 ore di ferie. L’uomo ha ora a disposizione altre 880 ore retribuite in cui può continuare con le cure per rimettersi in forma e tornare a lavoro quanto prima.

Quando abbiamo saputo che di lì a poco sarebbe rimasto senza stipendio, abbiamo cercato subito di capire se potevamo fare qualcosa – ha detto un collega di Lentini. All’inizio sembrava che non fosse possibile perché è un opzione contemplata solo per i familiari, ma tramite l’azienda siamo riusciti a farlo. Emilio è sempre stato uno di noi, ha combattuto tante battaglie e non potevamo non stargli vicino. L’unica cosa che conta è che si rimetta in salute“.

Una bellissima storia, toccante e significativa, che ripaga di tutte le brutture di cui si sta macchiando sempre più l’umanità.

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook