Studiare biologia, molto più che imparare a prendersi cura della natura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai pensato a una carriera da biologi? Ebbene, a quanto pare è uno dei mestieri del futuro, difatti la domanda è in costante crescita, anche perché, a differenza di quel che si pensa, di biologi ne esistono innumerevoli tipologie.

Ci sono biologi della salute che si occupano di genetica e riproduzione assistita, biologi della salute ambientale specializzati in sicurezza alimentare, disinfezione, controllo qualità, altri focalizzati sulla sostenibilità, altri ancora dediti alla cosiddetta bioinformatica, e non è finita qui.

Non si tratta quindi di professionisti dediti esclusivamente allo studio e alla cura della natura, perché la biologia ha moltissimi campi di specializzazione: genetica, biologia molecolare e cellulare, ecologia, fisiologia, cambiamenti climatici, sostenibilità e altro ancora. Tant’è che la loro figura professionale si è rivelata molto importante anche nella lotta contro il coronavirus.

A lavorare alla ricerca di vaccini, farmaci e antivirali in grado di sconfiggere il Covid-19 sono stati infatti moltissimi biologi, insieme ad altre figure professionali. E molti di loro sono specializzati proprio in virologia, immunologia, parassitologia e altri ambiti fondamentali da studiare per il futuro.

Ma come si diventa biologi? Innanzitutto è fondamentale acquisire una laurea in Biologia e integrarla successivamente con un master nei campi di proprio interesse che, come abbiamo visto, sono molteplici. Anche se negli ultimi anni sono stati introdotti a livello universitario anche percorsi più mirati, per chi per esempio vuole da subito specializzarsi in un certo ambito, come la biochimica , la biotecnologia, la biomedicina. Tra i più richiesti biologia della salute, biologia della salute ambientale, ma anche bioeconomia e bioinformatica.

Per quanto riguarda i biologi della salute, essi operano in cliniche e ospedali, nei servizi di biochimica, immunologia, microbiologia e genetica, accanto ad altre figure professionali come i medici, i farmacisti, i veterinari.

I biologi ambientali studiano la struttura degli ecosistemi, analizzano in che modo muta la biodiversità, cercano di capire come le varie attività umane e climatiche possono impattare sull’ambiente. Profilo professionale senz’altro utilissimo visti i cambiamenti in corso!

E poi c’è la biotecnologia, dove gli organismi viventi vengono utilizzati per sviluppare prodotti e procedure di analisi biomediche o ambientali, batteri e cellule vengono impiegati per produrre vaccini, animali e piante vengono geneticamente modificati per migliorare la loro capacità di produzione di proteine o la loro resistenza a parassiti e specifiche condizioni ambientali. E queste sono solo alcune delle specializzazioni possibili!

Peccato che ancora diversi paesi non investano abbastanza nella ricerca, inducendo gli scienziati a trasferirsi altrove, dato che si sentono poco riconosciuti sia dal punto di vista economico che sociale. Considerata la loro importanza, e la crescente necessità di queste figure cruciali per il futuro di tutti noi, sarebbe proprio il caso di iniziare a valorizzarli, da tutti i punti di vista.

Ti potrebbe interessare anche:

Guida ai green jobs: i 100 lavori che assicurano in Italia un futuro più sostenibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Deceuninck

Come scegliere gli infissi giusti per una casa ecosostenibile

Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook