Erboristerie: il governo vuole abolirle (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erboristi addio? È la minaccia che incombe sulle migliaia di professionisti erboristi italiani e di studenti e laureati in Scienze e Tecniche Erboristiche che in questi giorni si sono visti piombare addosso un nuovo decreto legislativo con il quale il Governo intende abrogare la legge n. 99 del 1931 e cancellare di fatto l’erboristeria italiana e gli Erboristi.

Di prossima pubblicazione, il decreto prevede l’abrogazione della che riguarda la “Disciplina della coltivazione, raccolta, e commercio delle piante officinali”, che istituisce la figura professionale dell’erborista in Italia.

Ciò rischia di mettere a rischio l’intero settore erboristico, che conta oltre mille aziende di trasformazione e commercializzazione di piante officinali e circa 5mila erboristerie.

Un pasticcio legislativo gravissimo, che cancella improvvisamente, dopo 90 anni di storia, la figura di erborista. Non solo mettendo a rischio un settore che conta circa 6mila imprese, ma rendendo di fatto carta straccia la Laurea in Erboristeria, attualmente frequentata da migliaia di studenti in tutta Italia che potrebbero essere messi ‘fuori corso’ per Legge”, così tuonano da Unerbe Confesercenti, in piena protesta contro un intervento del Governo bollato come “assurdo”.

In realtà, la manovra del Governo avrebbe lo scopo di liberalizzare la produzione e la trasformazione di erbe officinali, ma ciò che si contesta è il fatto che verrà eliminata del tutto una figura professionale – “per giunta anche laureata” – che da quasi un secolo assicura la qualità e l’efficacia dei prodotti erboristici utilizzati.

Quello che paventano gli erboristi italiani è, di fatto, che, eliminando l’Erborista, la strada sarà quella della totale despecializzazione del settore erboristico italiano anche a livello delle attività commerciali di erboristeria, “provocando l’ingresso di soggetti assolutamente non qualificati con gravi ripercussioni commerciali e soprattutto per la sicurezza dei consumatori”.

In pratica, con questo decreto, sarebbero poi gli agricoltori a poter coltivare, trasformare e distillare una preparazione specifica in materia le piante officinali.

Leggi anche:

Antibiotici naturali: 10 erbe con proprietà antibatteriche

Coltivare piante aromatiche e officinali nell’orto

Un gran bel caos, insomma, ed è per questo che la Federazione Erboristi Italiani invita tutti gli erboristi, gli studenti e i laureati in Tecniche Erboristiche e tutti i cittadini che hanno a cuore la Filiera delle Piante Officinali a firmare una petizione online. Eì poco, ma è tutto ciò che possiamo fare. Facciamo girare.

Firma qui la petizione online.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook