Congedo parentale straordinario: è già possibile ottenerlo. Come richiederlo e a chi spetta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Congedo parentale, è già possibile richiederlo anche in maniera retroattiva, per i giorni già fruiti nel mese di marzo. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul congedo straordinario introdotto dal Decreto Cura Italia.

Nei prossimi giorni, l’Inps si troverà a gestire 10 miliardi di euro tra Cassa Integrazione e gli altri strumenti di sostegno al reddito. Tra questi ci saranno anche il bonus baby sitter e il congedo parentale straordinario.

Introdotte dal Decreto Cura Italia, le nuove misure hanno l’obiettivo di sostenere le famiglie in questa situazione così difficile. Se per il bonus baby sitter si dovrà attendere il mese di aprile, è già possibile ottenere o vedere riconosciuto il congedo parentale già fruito dai lavoratori, pari a un massimo di 15 giorni.

“Ad oggi l’Istituto registra circa 100mila richieste di congedo con periodi dal 5 marzo” si legge sul sito dell’Inps.

Vediamo a chi spetta, quali sono i requisiti e come richiederlo

Requisiti e a chi spetta il congedo parentale straordinario

Il congedo parentale straordinario, introdotto dal decreto Cura Italia, spetta a uno solo dei genitori per nucleo familiare per un massimo di 15 giorni e per periodi che vanno dal 5 marzo al 3 aprile. Ciò vale anche sia per i figli adottivi che nei casi di affidamento e collocamento temporaneo.

Spetta sia ai lavoratori dipendenti pubblici e privati, sia a quelli Iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS che ai lavoratori Autonomi iscritti alle gestioni dell’INPS.

Essi possono richiederlo per i figli che hanno fino a 12 anni di età: in questo caso è riconosciuta un’indennità pari al 50% della retribuzione e la contribuzione figurativa. Possono inoltre richiederlo per i figli dai 12 ai 16 anni sempre per 15 giorni ma senza percepire alcuna indennità né copertura figurativa.

I genitori di figli con handicap in situazione di gravità possono ottenere il congedo a prescinder dall’età purché i figi risultino iscritti a scuole di ogni ordine grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale. In questo caso per il congedo COVID-19 è riconosciuta un’indennità pari al 50% della retribuzione e la contribuzione figurativa.

Possono inoltre richiederlo i genitori che hanno esaurito la fruizione massima individuale e di coppia prevista dalla normativa sui congedi parentali, con gli indennizzi previsti a seconda dell’età del figlio per il quale richiedono il congedo COVID-19.

Come richiedere il congedo parentale straordinario

Le procedure non sono uguali per tutti i tipi di lavoratori. Ad esempio, i lavoratori dipendenti del settore privato, che hanno già fatto richiesta e, alla data del 5 marzo, hanno già in corso un periodo di congedo parentale “ordinario” non devono presentare una nuova domanda: i giorni saranno convertiti d’ufficio dall’INPS nel congedo. Se invece vogliono usufruire del congedo per i giorni successivi possono già presentare domanda al proprio datore di lavoro e all’INPS, utilizzando la procedura di domanda di congedo parentale già in uso.

Diverso è il caso dei genitori di figli maggiori di 12 anni portatori di handicap grave, che non abbiano in corso di fruizione un prolungamento del congedo parentale. Essi possono già usufruire del congedo COVID-19, ma dovranno presentare apposita domanda e nel caso in cui la fruizione fosse precedente alla data della domanda medesima, potranno farlo anche con data retroattiva, decorrente al massimo dal 5 marzo 2020, utilizzando la procedura telematica di congedo parentale, disponibile entro la fine del mese di marzo.

I genitori con figli di età compresa tra i 12 e i 16 anni, devono presentare domanda di congedo COVID-19 unicamente al proprio datore di lavoro, non all’INPS.

Nel caso di lavoratori della pubblica amministrazione, la domanda di congedo va presentata alla propria Amministrazione pubblica secondo le indicazioni fornite dalla stessa.

Clicca qui per accedere alla pagina Inps in cui richiedere il congedo parentale se si è lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata

Quando non può essere richiesto il congedo parentale straordinario

Il congedo non può essere richiesto in due casi:

  • se l’altro genitore è disoccupato/non lavoratore o con strumenti di sostegno al reddito
  • se è stato richiesto il bonus alternativo per i servizi di baby-sitting.

Per consultare il documento completo dell’Inps clicca qui

LEGGI anche:

Bonus baby sitter straordinario: a chi spetta e come richiederlo

Bonus baby sitter e congedi parentali: come richiedere gli aiuti per le famiglie

©Shutterstock/Yuganov Konstantin

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook