L’Alto Adige sostiene i negozi di paese: incentivi fino a 15000 euro per tutelare vecchie e nuove attività

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Alto Adige, soprattutto nelle zone periferiche, la sopravvivenza dei piccoli negozi di paese è a rischio. Per questo la Giunta provinciale di Bolzano ha approvato dei criteri per i contributi relativi al biennio 2020-2021 rivolti alla tutela di queste attività.

L’obiettivo è quello di favorire il commercio interno ai paesini, sia tutelando i negozi già presenti sia incentivando l’apertura di nuovi esercizi. Il commercio di vicinato rappresenta un vantaggio non solo per i commercianti locali, ma anche per i residenti, che non si trovano costretti a dover percorrere lunghe distanze per avere accesso ai prodotti necessari nella quotidianità.

Alto Adige

Incentivare l’apertura di nuove attività

Stando al provvedimento, la Ripartizione economia può assegnare contributi fino a 15.000 euro per l’apertura di  esercizi di vicinato nelle località che ne sono prive. Per “esercizi di vicinato” si intendono negozi che lavorano in paesi con almeno 150 abitanti e che vendono generi alimentari di prima necessità al dettaglio.

Tutelare gli esercizi commerciali

Per garantire la sopravvivenza dei negozi di paese già presenti sul territorio, la Provincia mette a disposizione incentivi che vanno dai 9000 agli 11.000 euro. Le attività che possono usufruire di questo contributo devono svolgere uno dei seguenti servizi: vendita di prodotti locali, consegna a domicilio, vendita di giornali o servizio postale.

Inoltre tra i requisiti figurano:

  • volume di affari medio annuo dichiarato ai fini IVA, negli ultimi tre anni, non superiore a 400.000 euro;
  • massimo tre addetti a tempo pieno non considerando tra questi il coniuge ed i parenti del titolare entro il secondo grado in linea retta;
  • superficie di vendita fino a 150 m²;
  • orario giornaliero di apertura superiore a tre ore per sei giorni la settimana.

Come fare richiesta

Le domande per richiedere i contributi devono essere effettuate online all’Ufficio di commercio e servizi della Provincia entro il 30 aprile 2020 (per la tutela) oppure entro il 31 agosto 2020 (nel caso in cui si voglia aprire una nuova attività). I dettagli sono disponibili sul portale della Provincia nella sezione degli interventi straordinari a favore dei servizi di vicinato.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook