10 consigli per superare i cali di energia pomeridiani

dormire ufficio

Ad ognuno di voi sarà capitato almeno una volta di avvertire una sensazione di improvvisa stanchezza quasi immediatamente dopo pranzo e di provare il desiderio di dedicarsi ad un sonnellino pomeridiano, se solo non vi fosse l’obbligo di rimettersi subito al lavoro. I cali di energia pomeridiani possono essere dovuti a numerosi fattori, ma è comunque possibile provare a contrastarli cercando di mettere in pratica qualche piccolo consiglio, a partire dalla scelta degli alimenti con cui arricchire il proprio pranzo.

Scegliere gli alimenti corretti

Consumare un pranzo eccessivamente ricco di zuccheri semplici può innalzare i nostri livelli di energia sul momento, ma farli calare bruscamente a picco dopo poco tempo. Meglio dunque orientarsi verso pasti in cui siano presenti carboidrati complessi, proteine e vitamine in maniera equilibrata. È possibile ad esempio abbinare cereali integrali, come il riso, legumi, come ceci o fagioli, e verdure di stagione.

Muoversi di più

Compiere con costanza esercizio fisico, anche leggero purché quotidiano, aiuta l’organismo ad innalzare i propri livelli di energia. La soluzione ideale sarebbe quella di dedicare una parte della pausa pranzo ad una breve passeggiata, coinvolgendo anche i propri colleghi. Chi porta con sé il pranzo al sacco potrebbe provare a raggiungere a piedi il parco o la piazza più vicini per fermarsi a pranzare.

Dormire a sufficienza

Per ricaricare le proprie energie il nostro corpo ha bisogno di riposare almeno per 7 o 8 ore a notte. Il perfetto equilibrio si ottiene andando a dormire e svegliandosi alla stessa ora tutti i giorni della settimana. Se proprio ci si sente stanchi durante la giornata, è bene dedicare 15 minuti ad un breve momento di riposo rigenerante.

Ascoltare musica

La musica permette al nostro cervello di risvegliarsi nel momento in cui la si ascolta. Se non è possibile ascoltarla mentre si lavora, una soluzione potrebbe essere quella di accendere la radio mentre si guida per arrivare al lavoro oppure di munirsi di lettore musicale e cuffiette durante il viaggio in treno o in autobus, o ancora, durante la pausa pranzo.

Fare stretching

Se ci troviamo davanti allo schermo del pc e le nostre palpebre stanno per chiudersi inesorabilmente, proviamo a dedicare pochissimi minuti allo stretching, ad esempio alzandoci in piedi, sollevandoci sulle punte ed allungando il più possibile le braccia verso l’alto. Questo esercizio rimetterà in moto la circolazione e ci aiuterà a sentirci più svegli.

Bere di più

Mantenere costante l’apporto di acqua nel nostro organismo aiuterà a mantenere più stabili i livelli di energia. Bisognerebbe ricordarsi sempre di bere, soprattutto nelle giornate più calde, magari tenendo a portata di mano una borraccia e un bicchiere sulla scrivania. È anche bene consumare alimenti ricchi d’acqua, come anguria, melone, uva e lattuga.

Concedersi una risata

Ridere è davvero un toccasana sia contro la stanchezza che contro lo stress. Persino nelle situazioni più serie è dunque bene non dimenticarsi del proprio senso dell’umorismo e cercare di ricreare situazioni di cordialità e simpatia anche al lavoro. Una risata aiuterà tutti a rimettersi all’opera più volentieri.

Fragranze energizzanti

Annusare il profumo giusto può aiutarci a sentirci subito un po’meglio in caso di cali di energia e stanchezza improvvisa. Tra le fragranze più energizzanti vi sono quelle degli agrumi. È possibile versare al centro di un fazzoletto alcune gocce di olio essenziale di arancio dolce o di limone per respirarne l’aroma oppure diffonderle utilizzando un bruciaessenze.

Dire di no

Dire di sì a qualsiasi proposta, soprattutto se poco gradita, porterà ad accrescere i vostri livelli di stress e a farvi sentire privi di tempo libero da dedicare a voi stessi per ricaricare le batterie. Un pomeriggio rigenerante da trascorrere scegliendo la propria attività preferita non può che rappresentare una buona medicina contro stress e stanchezza.

Bere caffe’ con moderazione

Secondo gli esperti bere troppo caffè porta l’organismo a spostare sempre più in avanti il proprio livello di tolleranza alla caffeina, tanto da costringerci a ricercalrla sempre di più per ottenere l’effetto energizzante desiderato. Prima che la tazza di caffè del mattino o del pranzo diventi inefficace, meglio limitarsi ad assumerla solo in caso di necessità, evitando anche di bere caffè in tarda serata in modo da poter riposare meglio.

Leggi anche:

Marta Albè

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

tuvali
seguici su Facebook