Francia, Vincent Lambert è morto: le cure erano state sospese da 8 giorni

Vincent Lambert morto

Era in stato vegetativo da oltre 10 anni e proprio questa mattina, al policlinico di Reims, Vincent Lambert è morto. Otto giorni fa la decisione di interrompere definitivamente cure e alimentazione. In questi anni era divenuto simbolo sia della lotta contro l’eutanasia che della morte medicalmente assistita.

A lasciarlo in questo stato fu un incidente stradale da cui il tetraplegico 42enne non riuscì più a riprendersi. La moglie Rachel non voleva che il marito continuasse a vivere in questo modo, convinta che anche lui non lo desiderasse, ma i genitori erano contrari. Secondo Rachel e altri parenti, Vincent aveva diritto di morire in pace. Secondo altri doveva invece continuare a lottare per la sopravvivenza.

Sta di fatto che a causa di una battaglia legale infinita, Vincent venne tenuto in vita per anni, nonostante si fosse optato per la sospensione delle cure già in passato. Finché, pochi giorni fa, anche i genitori si sono arresi.

Il Vaticano ha espresso contrarietà in merito alla decisione di interrompere le cure e Papa Francesco in un tweet ha commentato la perdita con queste parole:

“Non costruiamo una civiltà che elimina le persone la cui vita riteniamo non sia più degna di essere vissuta: ogni vita ha valore, sempre.”

Ma non tutti la pensano allo stesso modo e in molti si sono schierati a favore della decisione di sospendere le cure, mettendo fine a questo calvario. Comunque la si pensi, Vincent ora non c’è più.

Ti potrebbe interessare anche:

Quando qualcuno si arrende, può morire in 3 settimane. È la morte psicogenica, parola della scienza

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: Ansa

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook