Uomo paralizzato batte il record del mondo per aver terminato una maratona con una tuta robotica

Adam Gorlitsky

Un uomo paraplegico della Carolina del Sud ha vinto la Charleston Marathon del 2020, stabilendo un nuovo record mondiale.

Adam Gorlitsky, paralizzato dalla vita in giù, ha partecipato alla gara indossando un esoscheletro e ha realizzato il miglior tempo percorrendo di 26,2  miglia, (42 chilometri circa) in 33 ore, 50 minuti e 23 secondi.

L’uomo ha iniziato la gara lo scorso giovedì sera terminandola poi durante la mattina del sabato successivo, senza mai fare pause, nemmeno per dormire.

“Questa maratona si è tenuta nella mia città natale, dove tanti gruppi di persone sono usciti per camminare un miglio con noi per tutta la gara”, ha spiegato Gorlitsky “Cose del genere, generano talmente tanta adrenalina ed energia da non far percepire la stanchezza”.

Il precedente Guinness World Records fu realizzato dal britannico Simon Kindleysides, che concluse la Maratona di Londra nel 2018 con un tempo di 36 ore e 46 minuti, un record che Gorlitsky cercò di battere anche lo scorso anno, quando partecipò alla maratona di Los Angeles nel marzo 2019, fermandosi però dopo 27 chilometri di corsa.

“Sto tentando di battere il record di Simon da circa un anno”, ha raccontato Gorlitsky alla CNN. “Nel momento in cui ho tagliato il traguardo, ho raggiunto un livello completamente nuovo di rispetto per lui e per chiunque partecipi a maratona indossando un esoscheletro. Non è stato affatto facile.”

Negli anni Gorlitsky ha partecipato a quasi 50 gare in tutto il paese e il suo prossimo obiettivo è quello di affrontare l’uomo che ha appena battuto.

“Voglio sfidare Simon a una gara esoscheletro uno contro uno un giorno. Mi piacerebbe un testa a testa con lui sul suo terreno di casa alla Maratona di Londra”, ha detto scherzando.

Gorlitsky rimase coinvolto in un incidente d’auto nel dicembre 2005, in seguito al quale riportò una grave lesione al midollo spinale.
L’uomo è tornato a camminare dieci anni dopo grazie a un esoscheletro robotico e nel 2016 è stato il primo uomo paralizzato a percorrere la Cooper River Bridge Run a Charleston, completando il percorso di 6,2 miglia.

Nello stesso anno, ha fondato la I GOT LEGS, organizzazione senza fini di lucro dedicata a migliorare la vita della comunità dei disabili.

“La mia lesione del midollo spinale non definisce chi sono”, ha detto Gorlitsky. “Il messaggio che voglio dare è che le tue ferite, le tue disabilità fisiche, le tue avversità non definiranno mai chi sei”, ha concluso l’atleta.

Una lezione per molti di noi e un invito a non arrendersi mai di fronte alle difficoltà della vita, piccole o grandi che siano.

Leggi anche:

Foto cover

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario Saponi e cosmetici fai da te, "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Seguici su Instagram
seguici su Facebook