Uomini e donne: tanto diversi a causa di 6500 geni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uomini e donne. La maggior parte delle differenze sono evidenti ma adesso una nuova ricerca punta l’attenzione su alcune particolarità meno note e probabilmente insospettabili. Sembra addirittura che l’evoluzione dei due sessi abbia seguito percorsi completamenti diversi!

Alcune differenze tra un uomo e una donna sono sotto gli occhi di tutti: struttura fisica, presenza di peli più o meno accentuata in alcune zone, accumulo di grasso in certi punti piuttosto che in altri, capacità o meno di produrre latte in seguito ad un parto, ecc. Ma ce ne sono anche altre meno evidenti. Tutte le particolarità che contraddistinguono maschio e femmina sarebbero da imputare a 6500 geni che si esprimono in modo diverso da uomo a donna. È questa la scoperta di un team di ricerca dell‘Istituto scientifico Weizmann in Israele, studio che ha visto la sua pubblicazione sulla rivista BMC Medicine.

Starete pensando: va bene siamo diversi ma dov’è la novità? Ebbene secondo gli scienziati a differenti geni corrispondono anche differenti predisposizioni riguardo ad alcune patologie e reazioni nei confronti dei medicinali. Tutto questo farebbe addirittura pensare ad una vera a propria evoluzione separata (anche se interconnessa) tra i diversi sessi della nostra specie.

Per arrivare a questo risultato gli scienziati Shmuel Pietrokovski e Moran Gershoni hanno utilizzato i dati del GTEx project, ovvero un database in cui è catalogato il patrimonio genetico di circa 550 persone adulte (uomini e donne). Confrontando i vari geni e andando alla ricerca delle differenze, sono riusciti ad individuare 6500 geni espressi in modo differente a seconda del sesso di riferimento stilando così la prima mappa delle differenze genetiche tra uomini e donne. Si tratta ad esempio di geni collegati all’accumulo di grasso o alla crescita dei peli ma anche geni che denotano caratteristiche più particolari e insospettabili ad esempio quello delle donne collegato all’utilizzo del calcio nelle ossa che tende a non essere più attivo con l’età (ecco allora la predisposizione all’osteoporosi), oppure un altro, sempre tipico delle donne, che invece le proteggerebbe dal Parkinson.

Insomma non è solo una nostra percezione, ci sono sempre nuove conferme scientifiche che uomini e donne sono tanto, a volte troppo, differenti. Ma da oggi possiamo dare la colpa al patrimonio genetico!

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook