Uno conferma che non puoi impilare tra loro le carte +2

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sicuramente conoscerete Uno, il celebre gioco di carte della Mattel, uno dei più diffusi al mondo. Quello che probabilmente non sapete, però, è che avete sempre applicato male alcune regole del gioco. Su una questione che riguarda le carte +2 e +4 è intervenuta addirittura l’azienda stessa che ha chiarito quali sono le regole ufficiali. (Preparatevi allo shock di aver giocato male per anni!).

Qualche giorno fa, i social media manager della pagina di Uno su Twitter hanno deciso di fare una rivelazione shock precisando che le carte +2 non sono cumulabili. Di conseguenza, la maggior parte delle persone (per non dire tutti) hanno sempre interpretato male le regole e dunque giocato in maniera sbagliata.

Questa regola era già stata spiegata dai creatori del gioco l’anno scorso, e riguarda anche la carta +4.

Sicuramente anche a voi, durante una partita ad Uno, è capitato di trovarvi nella situazione in cui, il giocatore precedente, scarta un +4 o +2. Di tutta risposta, voi avrete piazzato una carta analoga girando il problema (raddoppiato o triplicato) alla persona dopo di voi. Errore! Questo non si può fare, le due carte non si possono sommare tra di loro.

Chi subisce una penalità non può rigirarla ad altri ma deve pescare le carte in più che gli sono capitate e saltare il turno per scartare.

I giocatori affezionati di Uno sono rimasti sgomenti da questa notizia e su Twitter si è creato un vero e proprio turbinio di domande (sono oltre 34mila le persone intervenute sull’argomento). E c’è anche chi ha chiesto se altre combinazioni di carte con il + davanti sono valide.

La risposta in ogni caso è no. Non si può mai giocare una carta con un + davanti in risposta ad un’altra, indipendentemente che sia dello stesso colore o differente . Non c’è scampo in nessun modo, insomma, bisogna subire la penalità e saltare il turno.

Nello shock generale si è scoperto poi anche un altro punto poco chiaro delle regole che riguarda la carta cambio mazzo. Giocare questa carta per ultima fa perdere in automatico il giocatore che l’ha utilizzata. Ma in realtà a questo ci si poteva anche arrivare, come spiega questo Tweet di Uno.

Anche se si scambia come ultima carta non viene ceduta senza avere nulla in cambio e dunque è l’altro giocatore poi a trovarsi con zero carte in mano mentre chi l’ha scambiata avrà il mazzo più corposo.

Le regole sono regole e andrebbero rispettate se si vuole giocare correttamente. Vero pure è che ognuno si diverte a modo proprio e, se tutti i partecipanti sono d’accordo, nulla vieta di continuare a giocare ad Uno come meglio si crede.

I fan hanno infatti risposto scherzosamente che non sono d’accordo con le regole imposte e molti hanno anche aggiunto che quelle che applicano a casa loro sono molto più divertenti.

E come dar loro torto?

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook