Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Scoperta in Ucraina una grande fossa comune con i resti di migliaia di vittime senza nome

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I resti di migliaia di vittime sono stati scoperti in una grande fossa comune a Sud di Odessa, in Ucraina.

Si ritiene che il sito, emerso durante i lavori di esplorazione per ampliare l’aeroporto, risalga alla fine degli anni ‘30. Le vittime potrebbero dunque essere state uccise dalla polizia segreta sovietica durante il governo di Joseph Stalin in Unione Sovietica.

Tra il 1938 e il 1941 si stima infatti che circa 8.600 persone siano state condannate a morte dalla polizia segreta sovietica a Odessa. Secondo gli storici, durante lo stesso periodo in Ucraina sarebbero state uccise milioni di persone. Un vero e proprio genocidio, orchestrato da Stalin.

Sebbene sia  difficile sapere con certezza a quante persone corrispondano i resti, si ritiene che nella fossa comune siano state seppellite tra le 5000 e le 8000 persone, divise in 29 differenti tombe. Si tratta di una delle più grandi fosse comuni dell’era staliniana dell’Ucraina.

Il numero delle vittime seppellite potrebbe essere anche maggiore perché gli scavi non sono ancora stati ultimati. Inoltre, accanto a questa grande fossa comune potrebbero essercene altre.

Poiché i documenti e i registri dell’epoca sono conservati in Russia, risulta impossibile identificare a chi appartengano i resti dunque probabilmente queste vittime saranno destinate a rimanere senza nome.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: Indipendent/BBC

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook