Le terre ancestrali degli indigeni Waorani sono ancora minacciate da petrolieri e trivelle (PETIZIONE)

Mesi fa la corte dell’Ecuador ha emanato una sentenza senza precedenti a favore degli indios Waorani, che ha stabilito l’obbligo di interpellare i nativi prima di prendere qualunque decisione riguardante i loro territori, impedendo la trivellazione di 200mila ettari di Amazzonia.

Una vittoria importante, celebrata insieme a chi in questi anni li ha sostenuti, e ora che ha ottenuto giustizia, il popolo Waorani vuole continuare a proteggere le proprie terre, creando un vero e proprio movimento globale. L’obiettivo è raggiungere, con la propria petizione online, le 500.000 firme.

E non mancano i sostenitori, come si può constatare dalle numerose condivisioni a favore della resistenza Waorani, pubblicate sui social network da utenti di tutto il mondo, accompagnati dalla frase “I stand with the Waorani” e dall’hashtag #ResistenciaWaorani. E anche noi possiamo farlo!

Sul sito del movimento Waorani è anche possibile fare delle donazioni per aiutare questo popolo a far rispettare le regole stabilite dalla Corte, continuando a proteggere i loro diritti. Aiutiamoli!

Ti potrebbe interessare anche:

Bolsonaro toglie le terre ancestrali agli indigeni e le regala alle multinazionali

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: waoresist

 

 

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook