Le terre ancestrali degli indigeni Waorani sono ancora minacciate da petrolieri e trivelle (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mesi fa la corte dell’Ecuador ha emanato una sentenza senza precedenti a favore degli indios Waorani, che ha stabilito l’obbligo di interpellare i nativi prima di prendere qualunque decisione riguardante i loro territori, impedendo la trivellazione di 200mila ettari di Amazzonia.

Una vittoria importante, celebrata insieme a chi in questi anni li ha sostenuti, e ora che ha ottenuto giustizia, il popolo Waorani vuole continuare a proteggere le proprie terre, creando un vero e proprio movimento globale. L’obiettivo è raggiungere, con la propria petizione online, le 500.000 firme.

E non mancano i sostenitori, come si può constatare dalle numerose condivisioni a favore della resistenza Waorani, pubblicate sui social network da utenti di tutto il mondo, accompagnati dalla frase “I stand with the Waorani” e dall’hashtag #ResistenciaWaorani. E anche noi possiamo farlo!

https://www.instagram.com/p/Bza1N0FAd7F/

Sul sito del movimento Waorani è anche possibile fare delle donazioni per aiutare questo popolo a far rispettare le regole stabilite dalla Corte, continuando a proteggere i loro diritti. Aiutiamoli!

Ti potrebbe interessare anche:

Bolsonaro toglie le terre ancestrali agli indigeni e le regala alle multinazionali

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: waoresist

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook