Per fermare la distruzione dell’Amazzonia chiedi al tuo supermercato di non comprare più dal Brasile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Basta! L’Amazzonia è sotto attacco: la foresta brucia e gli indigeni rischiano lo sterminio. Tutto in nome dello strapotere delle industrie agroalimentari del Brasile. Chiediamo ai nostri supermercati di non comprare più in Brasile finchè tutto questo massacro non sarà fermato. L’appello di Survival International con l’hashtag #StopBrazilGenocide.

Possiamo farlo tutti: inondare la grande distribuzione di richieste di stop. Non abbiamo bisogno di prodotti avvelenati da pesticidi e dal sangue degli indigeni. Non li vogliamo. Sulla pagine dell’associazione attualmente il destinatario degli appelli, che tutti possiamo firmare, è Conad, ma ruoterà. E comunque possiamo copiare la lettera e mandarla in autonomia con il titolo della campagna.

Le imprese uccidono per vendere, ma se nessuno compra non potranno vendere, e quindi non avranno più interesse a uccidere. Questa, ormai, sembra l’unica via, dopo appelli su appelli, denunce internazionali anche allo stesso Bolsonaro, accusato di genocidio per la gestione dell’emergenza coronavirus (l’epidemia ha infatti dilagato nelle stesse zone, dove la popolazione indigena, poco abituata ai contatti esterni e confinata in luoghi malsani, si è ritrovata praticamente inerme).

L’industria agroalimentare in Brasile è in piena espansione, tra enormi piantagioni di soia, mais e canna da zucchero, e allevamenti di carne bovina. Le imprese del settore hanno il sostegno del Presidente Bolsonaro, interessato solo alla crescita a breve termine dell’economia.

“Questi giganti dell’agrobusiness stanno derubando i popoli indigeni della loro terra – tuona Survival International – avvelenandoli con i pesticidi e costringendoli a vivere in accampamenti di fortuna dove dilagano malnutrizione, malattie e suicidi. Bruciano le foreste a più alta biodiversità del Brasile, minacciando di spazzare via intere tribù incontattate”.

Cosa possiamo fare? Intanto non comprare alimenti prodotti in quelle terre, ma anche inondare la grande distribuzione di richieste di stop, firmando sulla pagina di Survival, inviando una mail o un tweet ai supermercati con l’hashtag #StopBrazilGenocide.

“I popoli indigeni di tutto il mondo chiedono il tuo aiuto: chiedi al tuo supermercato di smettere di acquistare prodotti agroalimentari dal Brasile fino a quando i diritti indigeni non saranno rispettati”.

A volte basta poco per fermare una catastrofe. Ma dobbiamo farlo tutti.

Fonti di riferimento: Survival Italia / Survival Italia/Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook