Le cucine plastic free che durano una vita

Deb Haaland confermata agli Interni: è ufficialmente la prima ministra nativa americana della storia degli USA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Deb Haaland ce l’ha fatta. Per la prima volta negli Stati Uniti sarà una donna nativa americana a guidare un dipartimento.  Con 51 sì e 40 no, Deb Haaland è stata confermata dal Senato segretaria all’Interior Department, che si occupa della conservazione delle terre federali e dei parchi nazionali, dello sfruttamento delle risorse naturali e della tutela dei nativi americani.

A lei sarà affidato un compito arduo: quello di invertire la rotta delle politiche disastrose –  sia nei confronti dell’ambiente e che delle tribù indigene – intraprese dall’ex segretario agli Interni David Bernhardt, negli ultimi anni nel corso dell’amministrazione Trump. 

“Avete sentito che la Terra viene chiamata Madre Terra” – ha dichiarato  durante l’udienza di conferma al Senato. – “È difficile non sentirsi obbligati a proteggere questa terra. E sento che ogni persona indigena del Paese lo capisce”.

Deb Haaland, classe 1960, appartiene al popolo della Laguna Pueblo e ha conseguito un Bachelor of Arts in inglese all’Università del New Mexico e successivamente un dottorato in giurisprudenza. 

“Una voce come la mia non è mai stata una segretaria di gabinetto né a capo del Dipartimento degli Interni” – ha sottolineato prima di essere confermata al Senato. – “Crescere nella famiglia dei Pueblo di mia madre mi ha reso feroce. Sarò feroce per tutti noi, per il nostro Pianeta e per tutta le nostre terre protette”.

 

Fonte: New York Times/Instagram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook