Stalliere torturato per ore per aver denunciato maltrattamenti sui cavalli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Torturato per ore per aver detto la verità: i cavalli in quel maneggio venivano maltrattati e la loro quotidianità era ben lontana dal benessere animale.

Una drammatica vicenda quella denunciata da Striscia la notizia, successa a Caluso, una località in provincia di Torino dove lo stalliere e maestro d’equitazione Giovanni Santi, stanco di vedere i cavalli soffrire ha deciso di raccontare ciò che sapeva.

Ma dopo la visione del servizio andato in onda il 2 marzo, i titolari del maneggio Salvatore Carvelli e Camilla Cassina hanno deciso che Santi doveva pagare per aver fatto la spia.

La spia, era nient’altro che aver raccontato di un maneggio ridotto a un lager dove gli animali venivano maltrattati, le carcasse seppellite in giardino e i medicinali erano scaduti.

LEGGI anche: MALTRATTAMENTI SUGLI ANIMALI: COMMESSI DA OLTRE IL 14% DEGLI ADOLESCENTI ITALIANI

stalliere torturato

I proprietari hanno riconosciuto le mani dell’uomo che stava facendo crollare il loro castello di sabbia e hanno deciso di vendicarsi.

Dopo aver attirato con scusa Santi nella stalla, lo hanno intimato a confessare. Al tentativo di fuga lo stalliere è stato preso a bastonate e appeso al soffitto con una fune.

stalliere torturato2

A testa in giù arriva la richiesta dei titolari: Giovanni deve firmare una deposizione scritta in cui dice di essere stato lui a chiamare Striscia la notizia e a portare i medicinali scaduti e sequestrati dai Carabinieri.

LEGGI anche: MALTRATTAMENTO ANIMALI: 10 ORRIBILI PRATICHE CHE LA CINA DOVREBBE ABOLIRE

L’obiettivo era quello di sollevare da ogni responsabilità il maneggio e superare le indagini. Giovanni non ci sta e per lui iniziano le sevizie.

Prima un tentativo di tagliarli le dita con delle forbici e poi la minaccia, raccolta dalla Stampa: “Ti sbudello come un capretto”.

Una lunga serie di torture culminate con la rottura di entrambe le braccia.

LEGGI anche: ANIMALI IN CITTÀ: ANCORA TROPPI I MALTRATTAMENTI CHE RESTANO IMPUNITI

Per fortuna, la legge sta facendo il suo corso: i due titolari del maneggio sono stati arrestati per violenza privata, sequestro di persona e lesioni gravi ai danni dello stalliere.

A Giovanni e a chi come lui denuncia i maltrattamenti agli animali va tutta la nostra solidarietà. La violenza è un gesto da condannare sempre e comunque.

Dominella Trunfio

Foto: Corriere.it Torino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook