La presunta bufala degli sposi che chiedono in regalo gratta e vinci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sta facendo il giro del web, riportata da blog ma anche dai principali quotidiani. Una coppia di sposi chiede agli invitati come regalo di nozze i gratta e vinci. Cristalli, argenti, quadri, servizi di piatti e neanche il viaggio di nozze sembrano interessare gli sposini. I due, di cui non si sa praticamente nulla, ricevono così 5000 tagliandi. E gratta gratta riescono a portare a casa oltre 600 mila euro.

La notizia sta spopolando, tra chi loda la fortuna e forse l’audacia dei due sposi e chi invece pensa sia una follia. Ma c’è anche una terza categoria: chi pensa che possa trattarsi di una bufala creata ad arte. E c’è chi, incuriosito dalla sostanziosa vincita, ha preso la calcolatrice e ha iniziato a fare due calcoli.

E i conti non sembrano tornare, come ha spiegato StatiGenerali.com:

“Ipotizziamo pure che tutti i cinquemila tagliandi gratta e vinci fossero infatti i più costosi, quelli da 20 euro, per un esborso totale di 100.000 euro. Avendo vinto, tra premi immediati e premi dilazionati, quasi due milioni di euro, i nostri sposi hanno ottenuto una remunerazione pari a circa 18 volte tanto l’investimento degli invitati a nozze. Un premio ben superiore a venti volte (quindi superiore al 2000 per cento) rispetto a quanto scommesso. Naturalmente, i conti son diversi, e la fortuna ancora più fortunata, diciamo così, se – come probabile – i tagliandi comprati non sono stati tutti del taglio massimo”.

Tanta, tantissima fortuna nel mare dell’improbabilità del gioco? I due sposi, stando almeno a quanto riportato, avrebbero ottenuto 5.000 tagliandi.

Ciò che è trapelato dai giornali è che la coppia abbia scovato agguantato ben 350 mila euro con una combinazione vincente e di aver trovato nella sua speciale lista nozze da grattare anche un tagliando vincente di “Turista per sempre” conquistando 200.000 mila euro, più 6.000 euro al mese per 20 anni e 100.000 mila euro di bonus finale. Fate due conti, la matematica non è affatto un’opinione.

Chi sono dunque questi sposi, ammesso che esistano davvero? Come è saltata fuori la notizia della loro vincita? E a chi giova? Forse all’ente lotterie? Che sia solo pubblicità?

Probabilmente non lo sapremo mai con certezza. Ma quel che sappiamo è che, in ogni caso, con la ludopatia non si cherza. Come ben ricorda il Ministero della salute, questa è una vera e propria malattia, che rende incapaci di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

SLOTMOB: LA CAMPAGNA NAZIONALE CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO NATA DAI CITTADINI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook