Cosa c’è davvero dietro alle scarpe Lidl (e perché avete fatto la fila “inutilmente”)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Blu, giallo e rosso. I tre colori primari racchiusi in qualcosa che per molti è decisamente orribile, definita un misto tra il trash e l’inutilità indossata ai piedi. Per altri, invece, un accessorio brandizzato “imperdibile”. Fatto sta che il paio di scarpe multicolor a marchio Lidl, ma anche i calzini di spugna stile vintage e le ciabatte in plastica (con buona pace della sostenibilità ambientale, oltretutto), hanno spopolato e fatto registrare il sold out. Ma cosa c’è davvero dietro a questo vero e proprio “caso” di marketing?

Prodotti che poi vengono rivenduti sul web, con prezzi da capogiro, da un lato, ma dall’altro siamo di certo di fronte a una bella trovata pubblicitaria, che ha trovato lo specchietto per le allodole nella celebre dizione “limited edition”. Ma la realtà è che questa edition è molto commerciale e molto poco limited.

Nel giorno in cui la catena di supermercati tedesca ha annunciato l’arrivo in Italia di abiti e accessori con il proprio logo, diversi prodotti, a partire proprio dalle sneakers, sono andati letteralmente a ruba. E noi, di fatto, abbiamo fatto il suo gioco. Ma è la legge del mercato, signori.

Eppure, vi diamo una notizia di cui quasi nessuno ha parlato: la fila, la ressa e la corsa all’accaparramento, a cui Lidl ci ha abituati anche per le offerte di giocattoli di legno, è stata inutile per chi pensava di trarne un vantaggio economico.

Cosa è successo

La Lidl fan Collection ha proposto nei giorni scorsi un paio di sneakers unisex a 12,99 euro di colore blu, giallo e rosso (come il logo); ciabatte a 4,99 euro in tre colorazioni, sia da uomo che da donna, e un paio di calzini in spugna, sempre con il logo di Lidl a 2,99 euro. E poi una serie di magliette.

volantino lidl

©LIDL

Ciò che è accaduto è che il 16 novembre, forse complice l’aria restrittiva da lockdown, mezza Italia si è trovata fuori ai negozi del discount per accaparrarsi i prodotti tricolor, manco fosse il cd autografato da Lenny Kravitz in persona.

Un successone, insomma, che tra l’altro è andato a replicare quello dello scorso luglio nel resto d’Europa e dell’anno scorso, e ha compreso anche l’invio del prodotto agli influencer. Il motivo è da ricercare soltanto nei prezzi competitivi ed estremamente bassi? Non crediamo che sia solo questa la ragione del successo. Fatto sta che in poche ore il marchio tedesco è diventato una tendenza su tutti i social e le pagine che fanno meme hanno trovato pane per i loro denti.

Il principio di “scarsità” e il reselling online

Se da un lato dalla multinazionale fanno sapere che la campagna “è stata pensata per rendere omaggio in modo simpatico e irriverente a tutti clienti dell’Insegna, che si definiscono da sempre dei veri e propri fan di Lidl”, dall’altro è chiaro che dietro c’è uno studio strategico accurato.

Molti di coloro che hanno un occhio più critico verso questi fenomeni parlano di “sneaker game”: è ormai un po’ di tempo, infatti, che l’industria delle scarpe da tennis va avanti grazie ad uscite di scarpe in edizione limitata (i cosiddetti drop), che vengono vendute a prezzi normali ma sostanzialmente difficili da comprare. Tutto ciò in onore del “principio di scarsità” (una delle leggi del marketing, ricordate anche i Nutella Biscuits l’anno scorso?): si può comprare qualcosa, ma devi poterlo fare. Le sneakers “da collezione” infatti possono essere acquistate solo tramite lotterie (la raffle, letteralmente la riffa) o file fisiche davanti ai negozi, mentre i più fortunati hanno anche contatti diretti che possono procurargliene un paio (hooks).

Tutto ciò va poi a rimpinguare il reselling online, ossia il mercato dei “resellers”: compro a prezzi stracciati e rivendo online con rincari più o meno astronomici.

QUI per esempio l’annuncio su EBAY:

calzini lidl

©EBAY

Ma chi sarebbe disposto a spendere così tanto per un paio di scarpe da discount originariamente vendute a soli 12,90 euro? Probabilmente i collezionisti, perché ce ne sono eccome.

Ma in soldoni, la Lidl ha puntato tutto a creare un fenomeno virale. Stop.

Sono decenni, tra l’altro, che diversi marchi danno vita a “capsule collection” (collezioni spot con pochi pezzi) che vanno a ruba proprio grazie al desiderio sfrenato dei collezionisti di accaparrarsi quel particolare articolo. I brand le creano proprio per vendere tutto e subito confidando sui fan.

Il marchio tedesco ha fatto semplicemente questo: ha sfruttato la logica commerciale usata dalla moda (un paio di collant bucati di Gucci, per esempio, vengono venduti per centinaia di euro e vanno anche sold out).

Un’operazione commerciale, dunque, ma ha fruttato? Alla Lidl sicuramente e forse anche agli appassionati collezionisti che terranno quelle sneakers per sé.

Un po’ meno per chi si è fatto la fila chilometrica per rivendersele: ora che ce le hanno tutti, chi le vorrà più?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook