#Manchester: i senzatetto eroi che hanno salvato i bambini durante l’attentato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

C’è ancora una parte di umanità che resiste, nonostante l’orrore. A Manchester durante l’attentato di un kamikaze costato la vita a 22 persone, un senzatetto è riuscito a salvare una bambina rimasta senza gambe.

Si trovava nel piazzale dell’arena di Manchester, al concerto di Ariana Grande c’era andato in cerca di qualche spicciolo, ma quando ha sentito l’esplosione non è scappato, ma al contrario è entrato dentro il palazzetto per vedere cosa stava succedendo.

Lui è Chris Parker, un clochard inglese di 33 anni che tra il fumo, le urla, i pianti e i corpi senza vita, è riuscito a prendere una bambina rimasta senza gli arti inferiori a causa della bomba e l’ha cullata tra le sue braccia, mettendola in salvo.

È stato vano purtroppo, il tentativo di recuperare la madre della piccola.

“Era tutto normale, come ogni concerto. La gente andava e veniva, tutti erano allegri. Poi ho sentito un botto e, in una frazione di secondo, ho visto un lampo bianco. Poi il fumo, le urla. Mi sono buttato a terra ma, quando mi sono rialzato, invece di scappare via il mio istinto è stato quello di correre avanti e cercare di aiutare”, ha detto Chris Parker al Mirror, poco dopo il tragico evento.

E ancora:

“C’era gente ovunque sul pavimento. Ho visto una bambina, non aveva più le gambe. L’ho avvolta in una maglietta e le ho domandato dov’erano la mamma e il papà. Mi ha detto che il padre era al lavoro e la mamma lassù. Non riesco ancora a smettere di piangere. La parte più sconvolgente è che si trattava di un concerto per bambini. È come se sentissi ancora quelle grida, e poi quell’odore. Non è bello da dire, ma era come odore di carne bruciata”.

senzatetto manchester

Dopo aver consegnato la bambina ai soccorritori, l’uomo è tornato a recuperare una donna di circa 60 anni con gravi lesioni alla testa e alla gamba che purtroppo però, è morta tra le sue braccia dopo avergli detto che era al concerto con tutta la famiglia.

LEGGI anche: #MANCHESTER: ATTENTATO AL CONCERTO DI ARIANA GRANDE, 22 MORTI E 59 FERITI

Un altro eroe: Stephen Jones

Ma tra gli eroi c’è anche un altro senzatetto, il trentacinquenne Stephen Jones che non si è tirato indietro nel soccorrere chi aveva bisogno di aiuto. Come racconta l’Indipendent è rimasto a fianco di alcuni bambini finché non sono arrivati i soccorsi.

“Avevano bisogno del mio aiuto, non potevo tirarmi indietro è il mio istinto quello di aiutare gli altri”, ha detto l’uomo.

senzatetto manchester2

Entrambi non si sono risparmiati. Potevano scappare e mettersi in salvo, hanno scelto l’umanità. Il gesto di Chris è entrato nel cuore di molti, tanto che è stata creata una colletta online che ha già superato i 4mila dollari.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook